L’elettronica in Serbia più costosa che nell’UE

La Commissione per la protezione della concorrenza della Serbia ha annunciato oggi che, sulla base dei dati “Eurostat” per il 2019, i prezzi dell’elettronica di consumo in Serbia sono stati del 13% superiori ai prezzi medi nell’UE. “Ad esempio, in Serbia, i prezzi per alcune categorie di prodotti erano più alti del 33-39% rispetto ai prezzi in Ungheria, dove l’imposta sul valore aggiunto è del 27%, mentre in Serbia è del 20%”, scrive il sito della Commissione.

Allo stesso tempo, come specificato, i prezzi dell’elettronica di consumo in Ungheria erano inferiori del 2,5% rispetto alla media UE.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Pertanto, oltre all’importanza di questo mercato per i consumatori, la commissione ha analizzato le condizioni di concorrenza nel mercato all’ingrosso e al dettaglio di elettronica di consumo in Serbia e ha annunciato di aver avviato la procedura di indagine d’ufficio sulla violazione della concorrenza e di aver svolto ispezioni senza preavviso nelle società “Roaming Electronics, Technomanija e Comtrade Distribution”.

Il procedimento è stato avviato per esaminare l’esistenza di accordi restrittivi di cui all’articolo 10 della legge sulla protezione della concorrenza, che restringono la concorrenza sui mercati dell’elettronica di consumo al dettaglio e all’ingrosso in Serbia.

Conoscendo i dati pubblici sui prezzi, è stato stabilito che l’elettronica di consumo è offerta nelle strutture al dettaglio, nonché sui siti web dei rivenditori a prezzi identici o quasi identici.

La Commissione presume ragionevolmente che vi siano obblighi armonizzati (accordi) che determinano i prezzi e le condizioni di scambio nella rivendita, il che è un accordo restrittivo che rappresenta una violazione della concorrenza dall’articolo 10 di questa legge, si afferma nell’annuncio.

Lo stesso organo ha invitato tutti coloro che dispongono di dati, documenti o altre informazioni pertinenti, e che possono contribuire a stabilire i dati di fatto in questa procedura, a presentarli all’indirizzo della Commissione per la tutela della concorrenza.

https://www.kamatica.com/analiza/elektronika-u-srbiji-skuplja-nego-u-eu/62553

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Commissione per la protezione della concorrenza, elettronica, Eurostat, Serbia
Progressi della Serbia nell’ultimo rapporto “Global Innovation Index”

Dove possono andare i cittadini serbi senza il test negativo PCR?

Close