La nuova Legge sui lavoratori del servizio pubblico incide negativamente su mezzo milione di persone

La Legge sui lavoratori nel servizio pubblico, che il Parlamento ha recentemente adottato, colpisce direttamente mezzo milione di persone impiegate nell’istruzione, nella cultura, nell’assistenza sanitaria, nei servizi sociali e nello sport e potrebbe determinare gravi conseguenze per i loro diritti sul lavoro.

Questo è quanto hanno dichiarato oggi i rappresentanti di diversi sindacati del settore della sanità e dell’istruzione in occasione di una conferenza stampa. “Questa legge colpisce direttamente quasi mezzo milione di persone, vale a dire circa 470.000 lavoratori nel servizio pubblico”, ha affermato la Presidente del Sindacato dei Lavoratori Educativi della Serbia (USPRS), Jasna Jankovic, annunciando inoltre che i sindacati si rivolgeranno ad organizzazioni internazionali riguardo questo problema.

Dal momento dell’attuazione della Legge è prevista per il 1° gennaio 2019, i sindacati avranno a disposizione “un anno per organizzare un più ampio fronte sindacale”.

Jankovic ha ricordato che la legge è stata adottata nonostante il Mediatore Civico e il Consiglio socio-economico avessero espresso parere contrario. Ha aggiunto che i sindacati hanno protestato contro l’approvazione della legge, chiedendone ritiro, o almeno l’esclusione dal suo testo delle clausole sull’istruzione.

L’USPRS ha anche inviato lettere di protesta alla Prima Ministra della Serbia Ana Brnabic e ai Ministri Branko Ruzic e Zoran Djordjevic, ma non ha ricevuto alcuna risposta.

Secondo Slobodan Brajkovic, il salario medio nel settore dell’istruzione è pari a 44.000 dinari. “Con l’aumento del salario del 10%, l’istruzione resterà ancora indietro rispetto a tutti gli altri segmenti, ad eccezione della cultura”, ha affermato.

Un rappresentante del New Healthcare Trade Union, Srdjan Nedeljkovic, ha affermato che la nuova legge prevede che i datori di lavoro hanno il permesso di inviare un operatore sanitario in un luogo di lavoro distante 50 chilometri dal luogo di residenza del lavoratore senza il suo consenso. “Riteniamo che la legge avrà gravi conseguenze sui diritti del lavoro degli operatori sanitari”, ha affermato.

La Presidente del Sindacato delle infermiere e tecnici della Serbia, Radica Ilic, ha sottolineato che la legge stabilisce la misurazione dell’efficacia degli infermieri e si chiede come esattamente ciò dovrebbe avvenire.

Le modifiche alla Legge sui lavoratori del settore pubblico, che entrerà in vigore il 1° gennaio 2019, hanno rinviato l’attuazione dei gruppi paga per i lavoratori dei servizi pubblici, ma ne stabiliscono un diverso calcolo della matrice.

(Nova Ekonomija, 20.12.2017)

http://novaekonomija.rs/vesti-iz-zemlje/zakon-o-zaposlenima-u-javnim-slu%C5%BEbama-direktno-ugro%C5%BEava-pola-miliona-ljudi

 

 

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in diritti, lavoro, occupazione
Zumtobel a Nis: 1100 posti di lavoro entro giugno 2018

Kragujevac
Kragujevac: nuova zona industriale e 7.000 posti di lavoro

Close