L’economista Arsic: le misure del governo non bastano, bisogna aumentare l’IVA e licenziare 77.000 dipendenti pubblici

“Sarà necessario tagliare il numero dei dipendenti pubblici del 10-15% tra il 2015 e il 2016 e in aggiunta aumentare l’IVA del 3 o 4%, perché le misure adottate dal governo non sono sufficienti”, ha dichiarato l’economista Milojko Arsic.

D’accordo con lui anche il componente del Consiglio Fiscale Nikola Altimparov, il quale ha rimarcato che se ci saranno minori risparmi su pensioni e salari pubblici bisognerà ricorrere all’aumento delle tasse.

“Le misure di risparmio che sono state proposte porteranno a risparmi molto limitati, mentre si può attuare un taglio dei dipendenti statali compreso tra il 10 e il 15% nel 2015 e nel 2016. Secondo gli ultimi dati il settore pubblico impiega in Serbia tra le 770 e le 780.000 persone, di cui 540-550.000 nella pubblica amministrazione e 230-240.000 nelle imprese controllate dallo Stato”, dichiara Arsic, che è professore alla Facoltà di Economia a Belgrado. Secondo Arsic bisogna ridurre la lottizzazione politica nell’amministrazione pubblica come nelle imprese e migliorare i meccanismi di carriera perché per anni si sono fatti strada non i più capaci ma quelli con la tessera di un partito o appoggiati da meccanismi nepotistici. “Ci sono imprese statali dove lavora tutta la famiglia”, rimarca Arsic, ilq uale contesta anche che invece di un piano triennale di risparmi è stato presentato dal governo solo un piano annuale che prevede risparmi per 700 milioni di euro.

“I risparmi strutturali nel prossimo anno sono molto limitati, nell’ordine di 500-550 milioni di euro – ha detto Arsic alla presentazione della rivista di economia “Monitor trimestrale” – “e i maggiori limiti del piano del governo rigurdano il fatto che esso si basa sulle entrate occasionali derivanti dalla vendita delle imprese statali che dovrebbero compesanre i minori risparmi su pensioni e stipendi.

(Blic, 26.09.2014)

Share this post

scroll to top
Read previous post:
Per la stampa italiana Belgrado è la nuova Berlino

Il Festival del genere fantasy questo week end a Belgrado

Close