L’economia serba sta combattendo il COVID-19 meglio degli altri Paesi della regione

Grazie al pacchetto completo di misure dello Stato, l’economia serba sta combattendo il COVID-19 meglio degli altri Paesi della regione. Le industrie alimentari e chimiche hanno subito i danni minori. Il numero di lavoratori assenti negli stabilimenti per infezione o altro varia dall’1 al 5%, il che non influisce in modo significativo sulla produzione.

L’inizio della pandemia ha portato incertezza e reso difficile l’approvvigionamento di materie prime, ma non ha fatto inciampare l’industria alimentare.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

In “Prima novi”, la più grande azienda locale di Leskovac con più di 1.000 lavoratori, salutano la fine dell’anno con aumento del fatturato, nuovi investimenti e posti di lavoro.

“Da pochi giorni abbiamo messo in funzione una nuova linea per la produzione di waffle. Il valore dell’investimento è di 1.100.000 euro, abbiamo assunto 40 nuovi lavoratori e con la vecchia linea abbiamo ottenuto una capacità totale di 570 tonnellate di prodotto finito”, afferma Danilo Stojanović, direttore generale della fabbrica “Moravka” a Leskovac.

Bojan Stanković, un impiegato della “Moravka”, è molto soddisfatto: “Trovare un lavoro così velocemente durante la pandemia, è incredibile. Durante tutto l’anno, lavoriamo qui in tre turni senza interruzioni affinché i waffle raggiungano i clienti nell’area, ma anche attraverso l’oceano verso l’America e l’Australia”.

Un quadro diverso si vede nell’industria della lavorazione del legno, dove il virus ha fermato le esportazioni.

Negli stabilimenti dell’investitore olandese arrivato nel sud del Paese lo scorso anno, al posto dei mobili durante lo stato di emergenza hanno prodotto maschere e tute protettive e le hanno donate a ospedali, esercito e polizia.

Sedie, poltrone e altro si stanno ora mandando di nuovo nei Paesi Bassi e in Germania da Vranje.

“Stiamo passando alla produzione di base, abbiamo firmato nuovi contratti, ora la nostra produzione si sta espandendo, stiamo raddoppiando il numero di lavoratori e ne stiamo assumendo di nuovi, diamo migliori stipendi”, afferma Ivica Stanojevic, direttore tecnico della “Mobels” di Vranje.

La chiusura di negozi in tutto il mondo e la riduzione della domanda hanno rallentato anche la produzione tessile. La turca “Eurotaj”, che da due anni produce per marchi di fama mondiale a Kraljevo, ha chiuso lo stabilimento per cinque settimane la primavera scorsa.

La situazione ora sta migliorando, quindi vengono annunciate nuove assunzioni.

“Considerando che abbiamo ricevuto ordini importanti per il prossimo periodo, a marzo e aprile, daremo lavoro a 200 persone entro la fine di dicembre”, osserva Elvis Koca, responsabile delle risorse umane “Eurotaj” di Kraljevo.

https://www.srbijadanas.com/biz/vesti/privreda-u-srbiji-se-oduprela-koroni-radnicima-u-fabrikama-povecane-plate-uskoro-slede-i-nova-2020-11-30

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... covid-19, economia serba, legno, pandemia
A Novi Sad torna la situazione di emergenza

In grande difficoltà il mercato immobiliare commerciale

Chiudi