Le stime della caduta del PIL dal 5 a oltre il 10%

Durante una recente visita, la missione del Fondo monetario internazionale ha mantenuto le previsioni secondo cui il calo del prodotto interno lordo in Serbia quest’anno ammonterà al 3%.

Dopo il primo trimestre in cui l’attività economica è aumentata di circa il 5%, si è registrato un forte calo. Le statistiche ufficiali con la stima del PIL trimestrale ci saranno però solo alla fine di agosto e le previsioni degli economisti, basate su informazioni incomplete, per ora sono abbastanza diverse.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Gli autori del monitoraggio trimestrale stimano che il calo del PIL nel secondo trimestre sarà compreso tra l’8 e il 10%. Il calo maggiore dell’attività economica è avvenuto ad aprile, il che porta a un calo del settore su base annua di quasi il 17%. A maggio, il calo è stato quasi dimezzato al 9,3%.

L’economista Dragovan Milicevic è ancora più pessimista e stima che il calo sarà superiore al 10% nel secondo trimestre.

“Rimango con la mia idea che alla fine dell’anno, il calo non sarà inferiore al 4,9%, osserva Milicevic.

Il direttore della rivista Analisi e tendenze macroeconomiche, Ivan Nikolić, è in qualche modo più ottimista.

“Dopo una crescita del 5% nel primo trimestre, il calo ad aprile è stato dell’11-12%. La ripresa è iniziata a maggio e il calo è stato dimezzato rispetto ad aprile. Un calo a due cifre è stato registrato in tre settori: trasporti e telecomunicazioni di circa l’11-12% e turismo e ristorazione di oltre l’80%. Anche il settore delle costruzioni ha subito un calo a due cifre. Altri settori hanno avuto un declino a una cifra rispetto allo stesso mese dell’anno scorso, mentre il commercio al dettaglio è cresciuto. A giugno, secondo la ricerca, abbiamo indicazioni che la ripresa è proseguita e mi aspetto che il PIL nella prima metà dell’anno sia allo stesso livello dello stesso periodo dell’anno scorso”, stima Nikolić, il che significa un calo di circa il 5% nel secondo trimestre.

I produttori del settore alimentare e delle bevande prevedono una produzione maggiore. Ciò è particolarmente pronunciato nella produzione di gelati, nella produzione di alcolici, nella produzione di birra e nella produzione di bevande analcoliche, minerali e altre acque in bottiglia, in linea con l’arrivo di un clima più mite.

Dall’altra parte, l’industria automobilistica, che è stata gravemente colpita dalla pandemia, non si è completamente stabilizzata. Ciò vale in particolare per la produzione di autoveicoli e rimorchi, nonché per le carrozzerie, mentre la produzione di altre parti e accessori per autoveicoli ha registrato una maggiore capacità di lavoro.

https://www.danas.rs/ekonomija/procene-pada-bdp-a-od-pet-do-preko-10-odsto/

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Fondo monetario internazionale, PIL, ripresa economica
Il debito pubblico della Serbia non può aumentare

disoccupazione
Disoccupazione al 13% entro la fine dell’anno?

Close