Le prossime elezioni fanno aumentare il salario minimo senza una giustificazione economica

“Entro la fine dell’anno il salario minimo sarà aumentato a 35.000 dinari, cioè a circa 300 euro, mentre lo stipendio medio supererà i 600 euro a gennaio”, ha dichiarato pochi giorni fa il Presidente della Serbia, Aleksandar Vučić, spiegando che tale affermazione rispecchia la valutazione della crescita economica serba che il FMI ha modificato dal 5 al 6% due giorni fa, come previsto dalle autorità serbe.

“Dopo la Lituania, siamo i migliori in Europa”, ha detto Vučić e ha spiegato che una maggiore crescita del PIL porta a salari e pensioni più alti e che il FMI sostiene che il debito pubblico non supererà comunque il 60,3% del PIL, “nonostante gli enormi investimenti in opere e nell’esercito”, così come che in seguito quella quota comincerà a diminuire. “Questa è una notizia fantastica per la Serbia!”, ha concluso Vučić.

Gli economisti non sono così sicuri della sostenibilità dell’economia con un tale aumento dei salari, ma non hanno dubbi che gli aumenti annunciati si concretizzeranno. Uno dei motivi è che la decisione sul salario minimo è presa dal Consiglio economico e sociale, ma poiché i sindacati e i datori di lavoro in quell’organo di norma non sono d’accordo, è lo Stato che alla fine decide. Un ulteriore fattore è che le elezioni si terranno nella primavera del prossimo anno, quindi Vučić ha già instillato negli elettori la speranza che tutto andrà meglio in Serbia. E se si alza il minimo, è logico che salgano gli stipendi medi, tanto più che possono risentire significativamente degli stipendi del settore pubblico, che, ancora una volta, sono determinati dallo Stato.

L’economista Jelena Zarkovic Rakic, direttore di “FREN”, dice per “Danas” che la domanda è come gli uomini d’affari lo accetteranno.

“Per loro sarà accettabile se la parte non imponibile dello stipendio aumenta o le aliquote contributive diminuiscono, ma non so quanto sia realistica questa aspettativa. Se ciò non viene raggiunto, a causa della crescita del costo del lavoro, è possibile che alcuni datori di lavoro licenzino parte dei lavoratori o passino in parte all’economia sommersa. Inoltre, dovrebbe essere sempre considerato il rapporto tra salario minimo e medio. Secondo l’annuncio, il salario minimo sarebbe il 50% di quello medio e qualsiasi cosa al di sopra del 40% è alta. Certo, non è alto per le persone che prendono il minimo, perché la cifra non copre il paniere di consumo nemmeno con l’aumento, ma lo è per i datori di lavoro”, afferma l’esperta e aggiunge che la cosa più importante è come le aziende vedranno questo obbligo se il loro carico fiscale non sarà ridotto.

Gli uomini d’affari non sono così sicuri di poter seguire gli ambiziosi piani del governo, e credono che per la maggior parte aumenterà maggiormente la crescita dei salari nel settore pubblico.

https://www.danas.rs/ekonomija/predstojeci-izbori-dizu-minimalac-bez-ekonomske-podloge/

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top