Le PMI serbe non hanno il sostegno statale dato alle grandi imprese

La quota di produzione delle piccole e medie imprese serbe (PMI) del settore imprenditoriale, esclusa l’agricoltura, è del 60% (14 miliardi di euro); le stesse partecipano all’esportazione per il 40% del totale (6,5 miliardi di euro) e impiegano quasi un milione di persone, ovvero il 45% di tutti i dipendenti.

Nella conferenza, organizzata dal Centro di Studi Economici Avanzati (CEVES) e il “MIND Park” nell’ambito della Piattaforma “Sviluppo sostenibile per tutti” realizzata da GIZ con il supporto dei governi di Svizzera e Germania, si è affermato che le PMI finanziano direttamente e indirettamente attraverso i redditi pagati e altre tasse circa il 40% delle attività statali, nonostante non abbiano il sostegno statale delle grandi imprese.

“Qualcosa inizia a cambiare, ci sono buone iniziative ma abbiamo ancora un problema con l’ambiente economico, soprattutto per le piccole e medie imprese”, ha affermato la presidente del consiglio e capo economista del “CEVES” Kori Udovicki, sottolineando che uno dei maggiori problemi per le imprese PMI è trovare una forza lavoro qualificata per tutte le aziende leader “che hanno bisogno di sviluppare la nostra intelligenza e capacità nazionali” e “lo Stato deve essere più flessibile”.

“Attualmente ci sono 400 aziende tedesche che operano in Serbia e danno lavoro a 75.000 persone ed è importante che ci sia cooperazione con le piccole e medie imprese locali; questo è un passo molto significativo perché solo con la cooperazione con le comunità locali possiamo contribuire allo sviluppo della Serbia”, ha affermato l’ambasciatore tedesco Thomas Schib.

L’ambasciatore della Svizzera, Urs Schmid, ha invece rimarcato che il suo Paese è un partner affidabile e devoto della Serbia e fornisce supporto per incoraggiare lo sviluppo sostenibile: “il settore privato, e in particolare le piccole e medie imprese, ha un ruolo chiave nel processo di trasformazione verso un’economia circolare e inclusiva in Serbia e riteniamo che continuerà a svilupparsi”.

https://www.ekapija.com/news/3719004/mala-i-srednja-preduzeca-u-srbiji-nemaju-podrsku-drzave-kao-velika

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top