Le piccole imprese serbe alle prese con problemi di liquidità

I conti di 54.310 imprese e piccole imprese sono attualmente bloccati. Queste imprese devono un totale di 300 miliardi di dinari, non inclusi gli interessi maturati. La maggior parte di tale debito, 126 miliardi di dinari attribuito a 12.420 aziende e piccole imprese, è inesigibile da più di tre anni.

Sotto il blocco è solo il 4% del totale delle passività dell’economia serba. Imprese e imprenditori hanno preso in prestito un totale di 8.222 miliardi di dinari, come si vede dai bilanci finanziari alla fine del 2014. Per ogni dinaro del proprio capitale hanno un debito di 2 RSD verso i banchieri, i fornitori e allo Stato. Il più grande livello di indebitamento è tra le micro imprese quali impiegano fino a dieci lavoratori, le quali per ciascuno dei suoi dinari, devono altri 15 ai creditori. Nonostante i grandi debiti, questa è una delle componenti dell’economia serba che opera con successo. L’anno scorso si è concluso un eccesso di 18 miliardi di dinari.

“I dati “sintetici” spesso offuscano il quadro completo. Prendendo in considerazione solo l’indebitamento pesante di alcune imprese pubbliche già cambia radicalmente l’immagine media. Micro, piccole e medie imprese costruiscono un segmento dell’economia che opera abbastanza bene. Le misure del sistema dovrebbero sostenere il loro sviluppo. Anche se non hanno bisogno di vedersi complicare gli affari.” – spiega Svetlana Kisic, associato dell’Istituto di Economia.

Le analisi dei bilanci finanziari condotte dall’Associazione dei Revisori della Serbia rivela che l’economia serba, in generale, difficilmente passarebbe l’esame di liquidità. Si è registrato un calo delle attività economiche rispetto al 2013. Il coeficiente generale di liquidità (attività correnti/passività correnti) è caduto dallo 0,91 allo 0,85, e il coeficiente attuale (attività immediate/ passività correnti) dallo 0,64 allo 0,59. Le imprese dispongono di meno soldi, mentre di giorno in giorno crescono le loro passività a breve termine.

“Le imprese hanno un’indebitamento elevato. Tra le aziende in Serbia sono 28.060 che non impiegano nessun lavoratore. I commercialisti avvertono che queste aziende fanno parte del patrimonio complessivo dell’economia per solo 8-9%, mentre rappresentano un quinto della perdita. Hanno 3,8 miliardi di dinari di capitale circolante e addirittura 6,7 ​​miliardi di obbligazioni a breve termine. Questo la dice lunga su come fanno affari .

I nostri studi precedenti hanno dimostrato che una grande percentuale dei bilanci è il prodotto di contabilità creativa. Questo viene fatto al fine di ottenere appalti e finanziamenti. Ottengono il prestito che non restituiscono o ripagano. Abbiamo una quota enorme di debiti inesigibili.” – ha detto Pero Skobic, segretario generale della Federazione.

La stessa analisi ha mostrato che molte imprese serbe stanno nella “zona nera” di altissima probabilità di fallimento. Infatti il coeficiente complessivo è pari a 1.07 e sulla scala relativa un coefficiente inferiore a 1,2 indica un alta probabilità di fallimento.

(23.12.2015, Novosti)

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... credito, debito, fallimento, liquidità, microimpresa
Fitch conferma il rating della Serbia: B+
Il Ministero dell’economia punta a stimolare le piccole imprese
Chiudi