Le imprese edili in Serbia assumono anche migranti dal Pakistan

“Attualmente, da 2.000 a 3.000 lavoratori stranieri provenienti da Turchia, Macedonia del Nord, Pakistan, Ucraina e Romania stanno lavorando a progetti di edilizia in Serbia”, ha affermato Goran Rodic, vicepresidente della Camera dell’edilizia.

“Tra loro, ci sono quelli che lavorano illegalmente, e ora ci sarà una crescente pressione da parte dei lavoratori stranieri perché molti Paesi stanno chiudendo i loro confini a causa della pandemia”, ha detto Rodic.

Ha aggiunto che non c’è abbastanza manodopera locale qualificata e non qualificata sul mercato serbo e che la maggior parte delle aziende straniere assumono lavoratori stranieri.

“Sebbene la legge sul lavoro degli stranieri sia chiara e semplice e stabilisca che il datore di lavoro deve denunciare il soggiorno degli stranieri alla polizia, fornire un permesso di lavoro, oltre a pagare le tasse e i contributi sui salari, questo obbligo viene spesso evitato”.

Secondo lui, i lavoratori arrivano con gli autobus come turisti e il datore di lavoro tiene con sé i passaporti in modo che non possano lasciare il loro lavoro in Serbia; prima della pandemia, c’erano un totale di 10.000, 12.000 persone così, secondo una stima.

Rodic ha detto che le società di costruzioni in Serbia assumono anche migranti dal Pakistan, che attraversano il Paese per arrivare in Unione europea. Come ha affermato, lavoratori stranieri possono essere trovati in tutti i cantieri, dalle autostrade alla costruzione di spazi residenziali, da Subotica, Novi Sad, Belgrado, Kopaonik, Kraljevo fino al sud del Paese.

Secondo lui, sono particolarmente numerosi nella costruzione dell’insediamento di “Beograd na vodi”, perché è un grande progetto. Ha detto che quando i progetti avviati saranno completati e inizierà la costruzione della rete di approvvigionamento idrico e fognario, ci saranno ancora più lavoratori illegali, perché quelle linee vengono costruite fuori dalle aree urbane ed è difficile controllare i datori di lavoro.

Secondo lui, i lavoratori stranieri sono per lo più assunti da società straniere e meno da datori di lavoro locali.

Građevinske firme u Srbiji angažuju i migrante iz Pakistana

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top