Le difficoltà del dialogo tra governo e opposizione

Non appena una parte dell’opposizione serba ha presentato le sue proposte per nuove condizioni elettorali con le quali si presenterà al confronto con il governo, sotto gli auspici dei parlamentari europei, il Presidente della Serbia, Aleksandar Vučić, ha respinto due raccomandazioni su tre. Anche se sembra già tutto deciso, alcuni esperti politici affermano che si assiste attualmente a un posizionamento strategico sia del governo che dell’opposizione, i quali alla fine saranno costretti a collaborare.

I partiti all’opposizione “SSP, DS, PSG i PZP” hanno preparato una proposta per una piattaforma sui negoziati sotto gli auspici del Parlamento europeo su condizioni per elezioni eque e oneste. Una delle condizioni è che si formi un Ministero per condurre le elezioni e che il Ministro sia eletto non tra le fila dei partiti, sulla base di proposte dei partiti di opposizione.

La seconda condizione è l’istituzione di un comitato editoriale parallelo dei programmi di informazione dei servizi pubblici “RTS e RTV”, che si alternerebbe a giorni alterni, e il terzo requisito è la separazione delle date per lo svolgimento delle elezioni per i diversi livelli di governo. Questo prevede anche la formazione di un nuovo organo al posto del REM.

Vucic ha già respinto le proposte; quelle sulla redazione del servizio pubblico è stata respinta come segue:

“I professionisti devono regolare il servizio pubblico, non i partiti politici. Non è più come una volta, e le tv non possono essere condotte da magnati che si occupano solo di campagne contro lo Stato, le vaccinazioni…”.

Per quanto riguarda la proposta di un Ministero per le elezioni, il Presidente della Serbia ha commentato:

“Il Ministero per le elezioni è stato fondato da Boris Tadić e Dragan Đilas, che ne ha realizzati due per dimostrare che è un democratico più grande. Il dialogo è una conversazione di persone serie su argomenti seri”, ha concluso Vučić.

Lo stesso non ha commentato la proposta di separare le elezioni. Per ora.

Come sarà effettivamente il dialogo e di cosa parleranno il governo e l’opposizione in generale, quando tutto sembra essere già deciso prima dell’inizio? L’analista politico Boban Stojanović ritiene che non sia così e che si tratti solo di strategia di posizionamento, sia per il governo che per l’opposizione:

“Per ora è tutto non ufficiale, Vučić ha espresso un commento beffardo su alcune delle proposte, d’altra parte Dačić ha dichiarato che tutte le raccomandazioni dell’OSCE / ODIHR sarebbero state accettate, il che include molto di ciò che l’opposizione richiede e tutte le cose essenziali come i media, la pressione sugli elettori, le campagne ufficiali, ecc. Ora tutti si stanno posizionando un po’, sia il governo che l’opposizione. Il punto è, in sostanza, che alcune cose cambino davvero, e non solo nella forma; se sarà realizzato il Ministero delle elezioni, il co-comitato editoriale di RTS, anche se penso non sia una buona soluzione, ecc. Ma ci sarà sicuramente una serie di argomenti di discussione e l’opposizione dovrà creare molta pressione per cambiare davvero qualcosa di fondamentale”, afferma Stojanović, che aggiunge:

“Con questa pressione interna ed esterna (dall’UE), esiste un’opportunità per la Serbia di riguadagnare un po’ di atmosfera democratica e restituire la politica alle istituzioni politiche. E l’unica domanda è quali saranno i confini di entrambe le parti e quanta pressione ci sarà sull’opposizione e sugli attori internazionali e, soprattutto, come realizzare il tutto, quali sono i meccanismi di controllo e le garanzie. Sappiamo tutti quali argomenti sono importanti, ora l’unica domanda è come cambiare la situazione in quelle aree importanti. Questi saranno gli argomenti di conversazione. Questo è ora solo un “ammazzare” il tempo fino a quando le conversazioni stesse inizieranno”.

Dijalog već propao: Opozicija predlaže, Vučić ismeva

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... Aleksandar Vucic, DS, governo, opposizione
Dacic
Dačić: “In settimana concorderemo il dialogo tra il governo e l’opposizione”

Più cittadini contro Vučić che per un voto all’opposizione

Chiudi