Le Camere di commercio dei Balcani occidentali chiedono di abolire i visti

Presso la Camera di commercio serba si è tenuta la riunione del Comitato direttivo del Forum della Camera degli investimenti dei sei Paesi dei Balcani occidentali (Kif ZB6), un’associazione che riunisce le Camere di commercio di Macedonia del Nord, Bosnia, Albania, Montenegro, Kosovo e Serbia.

Da questo incontro, gli uomini d’affari dei Balcani occidentali hanno lanciato un appello congiunto ai loro governi e alle strutture politiche della regione affinché facciano di tutto per far funzionare l’economia nel modo più semplice possibile rivolgendosi in futuro alla cooperazione regionale congiunta. “Date ai cittadini della regione il futuro, non il passato”, è il messaggio comune di tutti i presidenti delle camere di commercio dei Balcani occidentali ai governi dei loro Paesi.

Gli uomini d’affari chiedono l’immediata rimozione di tutte le barriere economiche e commerciali nella regione, in particolare quelle derivanti dalle scarse relazioni politiche tra Belgrado, Pristina e Sarajevo. Ai governi di Sarajevo e Pristina è stato chiesto di abolire i visti e tutte le altre restrizioni alla libertà di movimento. È stato richiesto il riconoscimento delle targhe e dell’assicurazione dei veicoli, che impedisce la completa libertà di movimento e di affari, cosa che comporta costi inutili nell’economia.

Le Camere di commercio dei Balcani occidentali hanno inoltre inviato un chiaro messaggio all’Unione europea sostenendo che è inammissibile un ulteriore blocco all’introduzione della liberalizzazione dei visti per il Kosovo. Impedire ai cittadini e all’economia di viaggiare liberamente è in conflitto diretto con i diritti umani ed europei fondamentali. Le Camere di commercio della regione ricordano a Bruxelles che la liberalizzazione dei visti è stata una svolta e il più grande impulso per lo sviluppo economico di tutti i Paesi dei Balcani occidentali.

È stato inoltre valutato congiuntamente che l’iniziativa di abolire il test PCR per i viaggi dei cittadini nei Paesi della regione, adottata su iniziativa delle stesse Camere di commercio, ha avuto un grande impatto positivo sull’attività delle imprese.

Apel privrednih komora Zapadnog Balkana EU: Ukinite vize, dajte nam budućnost!

 

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top