Le autorità di Bor hanno presentato accuse penali contro la “Zijin” per inquinamento

L’amministrazione comunale di Bor ha sporto denuncia penale contro i responsabili dell’azienda cinese “Zijin” che per diversi giorni ha causato un eccessivo inquinamento di anidride solforosa e altre sostanze nocive per la salute della popolazione. Il rapporto è stato firmato dal sindaco di Bor, Aleksandar Milikić, e si riferisce ai responsabili della fonderia di rame Bor, che opera come parte della cinese “Zijin”.

Le stazioni di misurazione dell’Agenzia per la protezione ambientale (SEPA) registrano da tre giorni un inquinamento eccessivo da anidride solforosa (SO2) nel parco cittadino di Bor e l’inquinamento si è ripetuto quasi ogni giorno per quasi due anni da quando la Serbia ha venduto la società al suo partner strategico “Zijin”, rimanendo comproprietaria di una minoranza del 37% del capitale.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

I valori di SO2 consentiti per legge sono 350 microgrammi per metro cubo, mentre lunedì, valori medi che hanno raggiunto i 1.969 microgrammi, sono stati misurati più volte durante la giornata, ed è stato specificato che l’aria è “molto inquinata” e che alla popolazione è sconsigliato lasciare gli appartamenti. L’aria nello stesso luogo è “fortemente inquinata” da particelle di PM10.

Lunedì intorno alle 13, nel centro della città e vicino alla Facoltà di Tecnica di Bor, un forte gas ha causato ai passanti difficoltà a respirare e lacrimazione.

Le stazioni di misurazione automatiche in agosto hanno misurato un inquinamento eccessivo nel parco cittadino per 18 giorni di fila e il picco più grande è stato registrato il 4 agosto, quando nell’aria sopra il parco cittadino erano presenti più di 3.800 microgrammi di SO2 per metro cubo, che è 11 volte superiore a quello consentito.

Gli ispettori ambientali della Repubblica e il ministero dell’Ecologia non sono d’accordo sul fatto che si tratti di “crimini ambientali contro la popolazione”.

I rappresentanti della “Zijin” hanno annunciato durante la campagna elettorale di giugno, alla presenza della Premier serba Ana Brnabic e del Ministro delle miniere e dell’energia Aleksandar Antic, che avrebbero impedito il rilascio di gas nocivi nell’aria a partire da giugno, mentre il rilascio di sostanze nocive a Bor è proseguito anche dopo le elezioni.

http://novimagazin.rs/vesti/vlast-u-boru-podnela-krivicnu-prijavu-protiv-zidjin-a-zbog-zagaenja

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Bor, Inquinamento, SO2, sostanze novice
Niš più inquinata di Pechino?

metropolitana
Goran Vesic: “A fine anno inizieranno i lavori per la metro di Belgrado”

Close