Le attività sospette della “Lotex group”, società vicina al vicesindaco Vesic

“La società “Lotex group” ha aumentato i suoi ricavi di 412 volte in 3 anni, da 34.000 a 14 milioni di euro”, sostiene la presidente del consiglio comunale del Partito della Libertà e della Giustizia (SSP), Mila Popović, la quale vede la spiegazione di questo vertiginoso successo nei legami stretti tra i collaboratori del vicesindaco Goran Vesic e il proprietario dell’azienda.

“Immaginate un’azienda che ha aumentato i suoi ricavi 412 volte in tre anni, un’azienda che è stata fondata nel 2017 avendo un dipendente e un reddito di 34.000 euro, e nel 2020 è salita a 65 dipendenti e a un reddito di 14 milioni di euro. Si tratta della società “Lotex group” che ha avuto tanto successo in un così breve periodo di tempo grazie ai lavori ricevuti, per 75 milioni di euro, dalla città di Belgrado e dalle aziende cittadine, e se a questo aggiungiamo quelli che ha ottenuto dalla Repubblica di Serbia, arriviamo alla cifra di 100 milioni di euro”, ha detto Mila Popović in una conferenza stampa.

Secondo la stessa, l’azienda è stata fondata da Jelena Popović, e poi in brevissimo tempo la proprietà è stata trasferita a suo marito Vladimir Popović, che è a sua volta il fratello di Tanja Popović, membro del consiglio comunale di Belgrado, stretta collaboratrice di Goran Vesić e funzionaria del Partito progressivo serbo. Tanja Popović è una delle donne del “SNS” che non molto tempo fa ha impedito col proprio corpo l’ingresso in parlamento ai membri del partito “Savez za Srbiju”.

“La società del gruppo “Lotex” è diventata milionaria in breve tempo e ha aumentato la propria flotta di veicoli, quindi oltre ai camion e altre macchine che servono a loro presumibilmente per lavorare, nella lista delle proprietà ha anche due Porsche, oltre a una BMW 7. Ecco chi guida una Porsche acquistata con i soldi dei belgradesi”, ha concluso la Popovic.

Brat Vesićeve bliske saradnice od Grada Beograda dobio 75 miliona evra

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top