L’azienda tedesca Gruner licenzierà il 10% della sua forza lavoro in Serbia

L’azienda tedesca Gruner licenzierà il 10% della sua forza lavoro in Serbia a causa della crisi.

La fabbrica di componenti automobilistici di Vlasotince licenzierà altri 70 lavoratori, dopo aver interrotto consensualmente l’impiego di 30 lavoratori due mesi fa.

Come afferma l’azienda, il motivo è il calo della domanda e di conseguenza della produzione, preceduto dalla crisi economica generale degli ultimi mesi in Germania. L’anno scorso, Gruner ha celebrato il 15° anniversario della sua presenza in Serbia e ha aperto qui un quarto stabilimento.

Le aziende tedesche impiegano circa 78.000 persone in Serbia. Il commercio annuale tra Serbia e Germania ha raggiunto un valore di 8,3 miliardi di euro.

Tuttavia, i fallimenti stanno inondando l’industria tedesca, che per decenni è stata conosciuta come la più forte economia europea. Solo negli ultimi mesi sono state chiuse oltre 700 filiali di aziende tedesche e più di 3.000 lavoratori hanno perso il posto. Diverse industrie sono in pericolo. Gli esperti economici danno la colpa alla crescente inflazione, alla guerra in Ucraina, ma anche alla crisi mondiale.

“L’Europa ha perso in gran parte la sua industria nazionale e un numero significativo di fabbriche si è trasferito nell’Europa orientale, in Romania e Bulgaria, e alcune in Estremo Oriente. La situazione attuale è tale da renderli dipendenti dal mondo e il mondo sta vivendo un’enorme perturbazione che è la ragione principale per cui l’Europa sta arrancando”, afferma l’economista Ljubodrag Savić.

(Blic, 29.06.2023)

https://www.blic.rs/biznis/vesti/evo-zasto-nemacki-gruner-sada-otpusta-10-odsto-radne-snage-u-srbiji/ekp9jj5

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top