Lazard sarà il nuovo consulente per la privatizzazione di Komercijalna Banka

La società francese di consulenza Lazard farà da consulente a Komercijalna Banca nella scelta per i partner strategici. Mercoledì, 6 febbraio, la società francese firmerà un contratto con il Ministero delle Finanze di Serbia – riferisce l’agenzia di stampa BETA.

Lazard è stata consulente anche nella selezione del concessionario dell’aereoporto “Nikola Tesla” di Belgrado, ovvero della francese Vinci Airports.

Questa società di consulenza ha anche consigliato Telekom Srbija durante la privatizzazione infruttuosa del 2015, quando le offerte non hanno soddisfatto il Governo serbo.

Il Ministero delle Finanze, nell’ottobre dello scorso anno, ha invitato le principali società internazionali a presentare una dichiarazione di interesse per la fornitura di servizi di consulenza finanziaria per la preparazione e l’attuazione del piano di vendita delle azioni di Komercijalna banca Belgrado, di proprietà della Repubblica di Serbia.

Dal consulente si prevede che proponga, dopo un’analisi dettagliata delle opportunità di mercato, dei diversi modelli di privatizzazione, così come dell’analisi della concorrenza nel mercato, la migliore strategia possibile e il modo migliore per vendere le azioni statali di Komercijalna banca. L’obiettivo è anche che il consulente selezioni un partner affidabile e massimizzi gli effetti della cessione della capitale.

Lo stato detiene il 41,74% delle azioni di Komercijalna banca, la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (BERS) detiene il 24,43% del capitale e il Fondo IFC il 10,15%.

La BERS è entrata nella struttura proprietaria di Komercijalna Banka nel 2006 con la ricapitalizzazione di 70 milioni di euro, e la privatizzazione era stata pianificata per il 2009, ma la vendita è stata fermata dalla crisi economica mondiale.

Successivamente, la BERS ha aumentato il suo capitale con altri 50 milioni di euro, ed è diventato conproprietario il Fondo IFC con 40 milioni di euro, come anche la società tedesca DEG con 20 milioni di euro e la svedese Swedbank con 10 milioni di euro.

Lo stato si era impegnato a ricapitalizzare la banca con altri 110 milioni di euro, per non perdere la sua quota nella proprietà.

Komercijalna banca ha una rete di 202 filiali in Serbia, con 2.770 dipendenti, nonché banche nella Repubblica Srpska e in Montenegro.

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top