Lavoro in affitto: scarsi diritti per i lavoratori in Serbia

Recenti stime mostrano che oltre 100.000 lavoratori in Serbia sono stati “affittati”, cioè hanno trovato impiego tramite agenzie di assunzione specializzate.

Non esistono dati ufficiali riguardo al numero esatto di tali lavoratori, ma, come sottolineano i sindacati, l’ “affitto” della forza lavoro sta diventando sempre più popolare.

Questo tipo di assunzione non è contrario alla legge, sebbene i dipendenti non siano a conoscenza dei limiti temporali del loro ingaggio, spesso siano pagati al di sotto del salario minimo, non abbiano diritto alle indennità per i pasti, vacanze, malattia o alla maternità. Non esiste una sola legge in Serbia che copre questo segmento di lavoro.

In Europa, invece, tale procedura è effettivamente incorporata nella legislazione.

Tuttavia, il Ministero serbo del lavoro afferma che è allo studio una legge che disciplina il lavoro svolto dalle agenzie di leasing del personale.

Persone per tutti i tipi di profili vengono “affittate” ad aziende: operatori del settore chimico, lavoratori nel settore della lavorazione dei metalli, programmatori, lavoratori edili, attori, dipendenti di call center, etc.

L’ex presidente dell’Associazione sindacale Nezavisnost, Branislav Canak, afferma che le società che impiegano tali lavoratori non hanno assolutamente alcun obbligo nei loro confronti.

“Questi lavoratori non sono inclusi nei contratti di lavoro collettivi, non sono membri dei sindacati, spesso non hanno weekend, spesso lavorano tra 10 e 15 ore al giorno e se hanno incidenti sul lavoro, nessuna legge stabilisce chi dovrebbe rimborsarli per questo. Non hanno altresì diritto al congedo di maternità e i loro salari sono la metà di quelli percepiti da altri dipendenti della stessa società”, avverte Canak.

(Blic, 17.05.2017)

http://www.blic.rs/vesti/ekonomija/vise-od-100000-ljudi-u-srbiji-radi-bez-prava-na-odmor-bolovanje-i-porodiljsko-a-sve/m347hvh

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in diritti, lavoro, legge sul lavoro, occupazione
Sciopero dei lavoratori Falc East a Knjazevac

La russa Mnogo Mebeli in arrivo a Vranje

Close