Lavorare o no la domenica?

“Come conciliare, da un lato, le paure dei datori di lavoro e dello Stato a causa di entrate e redditi più bassi e, dall’altro, i bisogni dei lavoratori, che si trovano nella posizione peggiore, soprattutto i commessi dei negozi e di altre attività di servizio, per quanto riguarda il lavoro domenicale?” chiede Milica Marinković dell’Iniziativa per i diritti economici e sociali A11, aggiungendo che una soluzione può essere raggiunta attraverso un dialogo sociale, che attualmente manca. “Non possiamo sentire i lavoratori, possiamo solo sentire chi pensa che si dovrebbe lavorare la domenica, e cioè i datori di lavoro”, sottolinea.

La professoressa della Facoltà di Economia di Belgrado, Jelena Zarkovic, afferma che la risposta a questa domanda dipende dai punti di vista: “I dipendenti, ovviamente, vorrebbero uno stipendio più alto e più tempo libero, il che non è sempre facile da ottenere”, sottolinea.

“Il dialogo sociale è la soluzione, e la volontà dello Stato non solo di stare dalla parte dei datori di lavoro, ma anche aumentare i diritti dei lavoratori”, sottolinea la Marinkovic.

La Zarkovic aggiunge che la pandemia ha ulteriormente attualizzato la domanda su come lavoreremo e quanti giorni e ore al giorno. “Penso che il rischio provocato dal virus dovrebbe essere distribuito su tutti e tre i lati: il lavoratore, il datore di lavoro e lo Stato”, ha detto.

Alla domanda se i commercianti sarebbero in perdita se non lavorassero la domenica, la Zarkovic ha detto di non aver trovato alcuna prova che l’abolizione del lavoro di domenica porterebbe a una riduzione del numero di posti di lavoro, affermando che la metà dei Paesi dell’UE lavora la domenica.

“Anche lo stesso datore di lavoro non è interessato ad avere un lavoratore stanco, perché ciò si rifletterà sulla sua produttività e sull’azienda stessa. Lo Stato dice che a causa di un minore turnover, avremo meno entrate nel bilancio, ma la domanda è se avrai costi sanitari più elevati a causa di un maggiore esaurimento dei lavoratori”, ha detto, aggiungendo che non ci sono praticamente prove di effetti negativi della chiusura dei lavori la domenica. “Si può sempre provare una misura pilota, da provare per un anno o due, e se va male, tornare al vecchio sistema”.

E alla domanda sul perché la domenica libera sia importante, la Marinkovic dice che è importante per la qualità della vita del lavoratore, oltre che per la qualità della sua vita familiare.

“Non c’è la stessa qualità della vita e l’equilibrio lavorativo se, ad esempio, hai un lunedì libero, quando tuo figlio va a scuola e anche i tuoi amici sono al lavoro”, ha detto, aggiungendo che potrebbero esserci alcuni datori di lavoro disposti a non lavorare la domenica, ma a causa della concorrenza devono, quindi la misura dell’abolizione del lavoro domenicale dovrebbe essere prescritta sistematicamente e a livello statale.

E se i lavoratori sono adeguatamente ricompensati per il lavoro di domenica e nei giorni festivi, la Marinkovic dice che ci sono molti piccoli negozi in tutto il paese dove i commessi spesso non sanno quanto guadagnano, “soprattutto le donne che hanno firmato contratti in bianco, senza chiedere per esempio se venivano pagate la domenica e i festivi o meno.”

La Zarkovic ricorda che gli stipendi dei lavoratori nei negozi sono tra i più bassi, e per lo più si fanno straordinari. “Da un’indagine condotta a livello dell’intero Paese è emerso che c’è un numero significativo di lavoratori che lavorano fino a 60 ore settimanali, con salari molto bassi, soprattutto nel settore dei servizi”, avverte.

Da li treba ukinuti rad nedeljom: Poslodavci protiv, radnike niko ne pita

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... commessi, dialogo sociale, domenica, lavoro
La pandemia ha lasciato a casa più di 2000 persone impiegate nel settore turistico

ASNS: “Vučić umilia lavoratori e sindacati”

Chiudi