L’Assemblea del FMI: la Serbia è impegnata ad attuare le riforme

La delegazione serba, guidata dalla governatrice della Banca nazionale Jorgovanka Tabakovic, ha incontrato i rappresentanti del FMI e un gran numero di investitori a Washington.

Tao Zhang, vice direttore generale dell’organizzazione finanziaria, ha affermato che la Serbia si è riconosciuta per il suo impegno nei confronti dei principali vettori economici che servono per attuare le riforme strutturali.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

Gli incontri sono stati organizzati nell’ambito della regolare riunione annuale del Fondo monetario internazionale e del Gruppo della Banca mondiale.

Zhang ha ribadito che l’FMI rimarrà un partner affidabile nell’attuazione delle riforme in Serbia grazie all’accordo attuato tramite lo strumento di coordinamento delle politiche a luglio 2018. Ha riaffermato l’importanza di diversificare l’economia serba, sottolineando che recentemente ha avuto l’opportunità di vedere in una televisione cinese, attraverso un’intervista della governatrice, come la Serbia sia ben promossa.

La governatrice Jorgovanka Tabakovic ha confermato che la Serbia ha utilizzato il periodo precedente per rafforzare la stabilità macroeconomica del paese, in cui il pieno coordinamento delle politiche ha svolto un ruolo importante. Ad esempio, ha sottolineato che l’inflazione in Serbia è sotto controllo con una media del 2%, e le finanze pubbliche sono in regola grazie a uno Stato che contribuisce fortemente alla crescita degli investimenti in Serbia.

C’è un rischio significativamente più basso per la Serbia, al suo livello più basso a settembre, inferiore a 50 punti base, e il rating creditizio del paese è stato aumentato a un passo dal suo rating di investimento. Un forte aggiustamento di bilancio ha anche portato il calo del debito pubblico, a circa il 50% del PIL, più rapidamente del previsto.

Alla domanda di Zhang quale sia la ragione principale per tali risultati, la Tabakovic ha affermato che la Serbia ha un vantaggio di cui pochi possono vantarsi: la coerenza della politica monetaria e fiscale, che è la base per raggiungere tali risultati, a differenza di altri Paesi in cui una politica domina su un’altra .

Nel corso di un incontro con il direttore dell’FMI Europa Paul Tomsen, si è concluso che la buona cooperazione della Serbia con questa istituzione continua nell’ambito dell’attuale accordo con il FMI, che ha carattere consultivo e non prevede l’uso di risorse finanziarie. Si valuta come l’economia abbia dimostrato resistenza alle influenze dall’ambiente internazionale.

Durante gli incontri a tutti i livelli, e quelli dedicati ai Paesi della regione, la Serbia è stata presa come esempio di un Paese con investimenti superiori alla media e risultati nel settore privato, con buone tendenze del mercato del lavoro misurate da una forte crescita dell’occupazione e dalla crescita dei salari.

Una conferma concreta che l’economia serba è considerata stabile e ha buone prospettive è anche l’afflusso di investimenti esteri diretti, che lo scorso anno hanno raggiunto l’8,2% del PIL, e durante gli otto mesi di quest’anno il loro afflusso è addirittura superiore allo scorso anno del 35%.

https://www.b92.net/biz/vesti/svet.php?yyyy=2019&mm=10&dd=20&nav_id=1606015

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... FMI, Jorgovanka Tabakovic, riforme, Serbia
Washington vuole che la Serbia riconosca il Kosovo e la Russia rimanga fuori dai giochi

I giovani in Serbia pensano che la felicità non stia nella ricchezza materiale

Chiudi