L’arte di Tiepolo sugella il semestre di presidenza italiana

Due capolavori di Giambattista Tiepolo, risalenti agli anni della maturità artistica del grande maestro veneziano, potranno essere ammirati gratuitamente fino al 18 gennaio al Museo nazionale di Belgrado: si tratta de ‘L’Angelo Custode’ (1737) dalla collezione dei Civivi Musei di Udine e ‘L’Educazione della Vergine’ (1720-1730) conservato presso il  Museo Nazionale di Belgrado.

AngelocustodeLa Mostra è stata organizzata in occasione della chiusura del semestre di presidenza italiana dell’Unione europea, per iniziativa dell’Ambasciata d’Italia a Belgrado  e del Museo Nazionale della capitale serba, in collaborazione con l’Istituto italiano di cultura, la Regione autonoma Friuli Venezia Giulia, i Civici Musei di Udine e con il patrocinio del ministero della cultura e dell’informazione serbo.

L’ambasciatore d’Italia a Belgrado  Giuseppe Manzo, intervenuto in apertura di cerimonia, ha sottolineato come la mostra del Tiepolo a chiusura della presidenza italiana segni “un anno straordinario per l’amicizia tra Italia e Serbia“, all’insegna del motto che ha ispirato tutti questi mesi: “L’Italia porta l’Europa in Serbia”.

La cerimonia di inaugurazione della mostra e’ stata aperta dal ‘Concerto per l’Europa’ organizzato dall’Ambasciata d’Italia ed eseguito dal Quartetto d’archi dell’Orchestra Filarmonica  di Belgrado e dal tenore Dejan Maksimovic, che hanno eseguito brani di Corelli, Giordani, Bellini, Schubert.

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top