L’approvvigionamento di carburante sarà regolare; stazioni di servizio a orario ridotto

Tomislav Mićović, segretario generale dell’Associazione delle compagnie petrolifere, ha assicurato ieri che la fornitura di carburante in Serbia viene effettuata regolarmente, senza interruzioni.

“C’è abbastanza carburante. Le scorte che le società hanno accumulato in questo momento sono abbastanza grandi da fornire una fornitura stabile a lungo termine”, ha riferito Micovic a “Tanjug” e non vi è alcun problema con le importazioni di petrolio greggio e di prodotti petroliferi, indipendentemente dalle modifiche alle norme relative all’attraversamento delle frontiere.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

“La Serbia non ha abbastanza petrolio per soddisfare tutte le sue esigenze ed è fortemente dipendente dalle importazioni. Ciò che è importante a questo punto è sapere che le importazioni di petrolio greggio funzionano abbastanza normalmente. I regolamenti sono tali che la normale fornitura di derivati ​​non è compromessa, vale a dire il greggio delle importazioni”, ha affermato Micovic.

A causa dello stato di emergenza, le stazioni di servizio hanno iniziato a lavorare a orario ridotto, ma non sospenderanno il lavoro.

“In conformità con le decisioni delle pertinenti istituzioni della Repubblica di Serbia in merito allo stato di emergenza nel nostro Paese, l’orario di apertura delle stazioni di servizio “NIS Petrol” e “Gazprom” sarà dalle 7:00 alle 18:00 nei prossimi giorni”, afferma “NIS”.

Inoltre, sempre la società “NIS” dovrebbe annunciare un elenco di distributori di benzina aperti 24 ore al giorno.

https://www.kamatica.com/vest/snabdevanje-gorivom-redovno-cene-u-padu/61162

https://www.novosti.rs/vesti/naslovna/ekonomija/aktuelno.239.html:853942-Pumpe-nece-biti-potpuno-zatvorene-Skraceno-radno-vreme-benzinskih-stanica

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... carburante, Gazprom, NIS, petrolio
Via libera alle sovvenzioni a una società cinese pari a 16,4 milioni di euro

“Air Serbia” annulla i voli per Roma e Bologna dall’aeroporto di Niš

Chiudi