L’ambasciatore tedesco: l’economia sommersa in Serbia raggiunge il 30% del PIL

La Serbia ha conseguito una crescita economica positiva negli ultimi anni con un aumento delle entrate fiscali, ma indipendentemente dai buoni risultati raggiunti, l’economia sommersa è ancora un grosso problema, ha detto l’ambasciatore tedesco Thomas Shieb, aggiungendo che l’economia sommersa in Serbia si stima raggiunga il 30% del PIL.

Alla conferenza annuale “Un’uscita dall’Economia sommersa”, in cui è stato presentato il nuovo Programma nazionale per la repressione della economia grigia, Shib ha affermato che la Serbia perde notevoli entrate fiscali a causa dell’economia grigia e questo reddito fiscale perso potrebbe fornire un nuovo spazio per gli investimenti nell’istruzione, nella protezione e in altri campi a beneficio di tutti i cittadini.

L’ambasciatore tedesco ha detto che Serbia e Germania cooperano nella lotta contro l’economia sommersa da diversi anni, e che i risultati e i successi di questi sforzi sono stati raggiunti.

“Con NALED, dallo scorso ottobre, abbiamo sostenuto le esenzioni fiscali temporanee per i principianti in attività e abbiamo formato vari corsi di formazione”, ha detto Shieb. Ha sottolineato che è grazie alla cooperazione con il governo della Serbia e tutte le attività congiunte che sono stati raggiunti i risultati.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

La Prima Ministra Ana Brnabic ha detto che lo stato continua con risoluzione a combattere contro l’economia sommersa e che non accetta alcun compromesso.

“Non ci saranno compromessi in questa lotta, perché questo è l’unico modo per garantire condizioni eque per le persone e l’economia che operano in conformità con le leggi e pagano le tasse. In questo modo possiamo offrire una qualità di vita migliore per tutti i cittadini della Serbia”, ha sottolineato la Brnabic. Ha aggiunto che il nuovo piano d’azione per il 2019 e il 2020 prevede 36 misure e 153 attività.

Il nuovo Programma nazionale prevede una riduzione del volume d’affari, nella zona grigia, di quasi 200 milioni di euro e la conversione, nei prossimi due anni, di almeno 11.000 lavoratori e 9.000 imprese che operano in nero in flussi legali.

https://www.blic.rs/biznis/vesti/nemacki-ambasador-upozorava-siva-ekonomija-u-srbiji-ide-i-do-30-odsto-bdp/epgy2c1?fbclid=IwAR3nJRgHEJn7_SjT-FeBS-5Kej-Bd02AYN-TAd-HjshShFXF63CvfvUOdvA

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Ana Brnabic, economia sommersa, programma nazionale
Distrutto l’80% dei lamponi quest’anno – I produttori chiedono aiuto allo Stato

150 milioni di dinari di multe per lavoro in nero

Close