L’agricoltura serba a rischio sopravvivenza?

È stato recentemente rivelato che la Serbia importa fagioli dalla lontana Cina, anche se non è l’unico raccolto agricolo tradizionale che raggiunge le cucine del Paese. Si importano anche pomodori, cetrioli, patate, peperoni, aglio e cipolle…cose che un tempo si producevano in casa per il fabbisogno. Per quanto possibile, poi la Serbia ha sempre esportato. Oggi invece anche se si continua ad esportare prodotti nazionali, allo stesso tempo si importano gli stessi ortaggi in quantità molto maggiori.

L’ultima crisi del latte ha aperto il vaso di Pandora e ha messo in luce la situazione dell’agricoltura serba. Non c’è latte sugli scaffali dei negozi, il governo serbo sta introducendo nuove misure, limitando i prezzi e vietando le esportazioni, e gli agricoltori affermano che l’allarme è stato lanciato da molto tempo e che la situazione attuale è solo una conseguenza di ciò. “E non è solo un problema nel latte, ora è tutto sbagliato”, afferma Milan Milošević, un allevatore di Rača vicino a Kragujevac, uno dei fondatori dell’Associazione per la protezione degli agricoltori.

Il gruppo di lavoro recentemente formato di agricoltori provenienti da tutta la Serbia ha chiesto un incontro urgente presso il Ministero competente. Se l’incontro non avrà luogo, scenderanno a protestare in strada. “La politica agraria è sbagliata a tutti i livelli, siamo assolutamente tutti nei guai. Non si tratta più di cosa importiamo o di vietare l’esportazione dei nostri prodotti. Siamo tutti a rischio, frutticoltori, allevatori, agricoltori, piccoli, medi, anche i prezzi sono un problema, poi petrolio, sussidi, meccanizzazione, abbiamo tutti lo stesso problema, tutti noi”, sottolinea lo stesso.

E aggiunge che lo Stato è in ritardo con i sussidi e che nulla è stato pagato “dall’anno scorso”. “Il problema non siamo noi, il problema è la cattiva politica attuata dallo Stato”. “Se il Ministero dell’Agricoltura e l’intera dirigenza statale non accettano le nostre proposte e non iniziano a risolvere i problemi che loro stessi hanno causato, non abbiamo altra scelta che scendere in piazza”. “I contadini sono da biasimare per aver intenzione di importare il latte ora? Certo che no”, dice categoricamente Milošević, sottolineando alle autorità che “questo è l’ultimo treno da prendere per il governo per fare sul serio e iniziare a fare qualcosa di concreto”.

Srpska poljoprivreda je na samrti, a Albanija i Makedonija će je dokrajčiti

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top