L’aeroporto di Belgrado inizia a essere “stretto”

“Nei prossimi due anni l’aeroporto di Belgrado “Nikola Tesla” sarà oggetto di grandi interventi di ristrutturazione e allargamento poiché esso opera al massimo delle sue attuali capacità”, ha dichiarato il suo direttore Saša Vlaisavljević, il quale ha anche dichiarato che saranno creati posti di lavoro per professionisti con varie competenze e alle casse dello Stato serbo verranno versate 100 volte di più tasse rispetto a quanto accadeva negli anni scorsi.

L’aeroporto di Belgrado oggi ha registrato un nuovo record con il suo quarto milione di viaggiatori quest’anno. L’anno scorso l’aeroporto aveva avuto circa 3,5 milioni di passeggeri. Il direttore dell’aeroporto si è anche congratulato con AirSerbia per i due milioni di viaggiatori totalizzati finora e ha ricordato che sullo scalo operano 35 compagnie aeree di cui 28 in maniera stabile. Per la fine dell’ano si prevede che saranno transitati 4,6 milioni di persone, l’incremento di passeggeri maggiore registrato da un aeroporto europeo rispetto al 2013.

In dettaglio, mentre fino all’anno scorso l’aeroporto di Belgrado versava allo Stato serbo 60.000 euro, quest’anno arriverà a versarne 6 milioni. L’anno prossimo la crescita toccherà i 5,5 milioni di passeggeri e dovranno essere intrapresi gli inevitabili lavori  per ingrandire lo scalo creando molti posti di lavoro. “Offriremo una opportunità a molti giovani”, ha detto Vlaisavljevic, il quale ha anche detto che in merito alle compagnie low-cost l’aeroporto segue le linee guida stabilite dal governo ma che in ogni caso ogni aviolinea è benvenuta.

(RTS, 04.11.2014)

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top