L’Accordo di Bruxelles è morto?

L’Accordo di Bruxelles è fallito? Questa è forse una delle domande più importanti a cui rispondere dopo che tutti i serbi hanno lasciato le loro posizioni nelle istituzioni governative di Pristina in risposta alle frequenti azioni unilaterali del governo di Albin Kurti.

Gli analisti politici affermano che lo status del nord del Kosovo è una questione chiave e che Pristina non sarà mai in grado di controllare quella parte del territorio senza incidenti.

I serbi saranno impiegati nelle istituzioni governative del Kosovo e Pristina formerà la Comunità dei Comuni serbi – questa era la base dell’Accordo di Bruxelles, firmato il 19 aprile 2013. I serbi del Kosovo hanno rispettato gli obblighi previsti dall’accordo fino al fine settimana scorso, quando si sono tutti dimessi dai loro posti di lavoro presso le autorità di Pristina, poiché le autorità kosovare non hanno rispettato l’unico obbligo, previsto dal documento firmato nella sede dell’UE, che era quello di consentire la formazione della Comunità dei Comuni Serbi (ZSO, in breve).

Kurti voleva fare tutto con la forza

Non solo Pristina si rifiuta di costituire la ZSO, ma il primo ministro del Kosovo, Albin Kurti, si è spinto oltre e ha cercato unilateralmente di completare la statualità del Kosovo costringendo i serbi a reimmatricolare i loro veicoli e a utilizzare le targhe automobilistiche del Kosovo, contro la volontà dell’Occidente. Il 1° novembre, Pristina ha lanciato un avvertimento a tutti i serbi che non avevano immatricolato i loro veicoli, mentre il 21 novembre ha annunciato multe di 150 euro per ogni serbo che non l’aveva fatto.

Ciò ha provocato una dura reazione da parte serba, con le dimissioni unilaterali di tutti i serbi dai loro posti di lavoro nelle istituzioni di Pristina.

È rimasto qualcosa dell’Accordo di Bruxelles e tale accordo ha un futuro?

È interessante notare che per tutto il tempo sia l’UE che gli USA hanno invitato entrambe le parti a calmare le tensioni e a rispettare le disposizioni dell’Accordo di Bruxelles. Mentre i funzionari serbi hanno sottolineato in una lettera che chiedevano il pieno rispetto dell’accordo, Pristina e Kurti si sono ostinate a rifiutare la formazione della ZSO. L’Occidente ha perso il controllo su Kurti o gli sta “segretamente” permettendo di fare mosse unilaterali?

Il direttore del Centro per il regionalismo, Aleksandar Popov, afferma che “il futuro dell’accordo di Bruxelles dipende da tre attori”.

“Il primo attore è l’Occidente, cioè l’Unione Europea e gli Stati Uniti, cioè l’Unione Europea o gli Stati Uniti, poiché vediamo che ultimamente non si vedono di buon occhio sulla questione del Kosovo. Ad esempio, il piano Scholz-Macron per la soluzione della questione del Kosovo non è stato pubblicamente sostenuto dagli Stati Uniti. Inoltre, trovo strano che l’Occidente, in quanto sponsor dell’indipendenza del Kosovo, non abbia potuto costringere la Kurti a ritardare di 10 mesi la scadenza per la reimmatricolazione dei veicoli. Dovevano sapere che ciò avrebbe provocato una reazione da parte della Serbia”, osserva Popov.

“Il secondo attore (da cui dipende la sopravvivenza dell’Accordo di Bruxelles) è Pristina guidata da Kurti, e il terzo è Belgrado e Aleksadar Vučić, che ora ha un alibi per non tenere colloqui sulla normalizzazione delle relazioni con Pristina tenendo in conto che Kurti si rifiuta di ascoltare l’Occidente”, valuta Popov.

Egli ritiene che “la palla è ora nel campo dell’Occidente” per quanto riguarda la sopravvivenza dell’Accordo di Bruxelles.

(Blic, 08.11.2022)

https://www.blic.rs/vesti/politika/da-li-je-pao-briselski-sporazum-pristina-ignorise-obaveze-srbi-napustili-institucije/7ne0sz6

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top