L’abolizione della legge sulla conversione dei terreni ha portato investimenti per 100 milioni di euro

Da quando, meno di un anno fa, è stata abrogata la legge sulla conversione del territorio, il numero di permessi di costruzione rilasciati e il valore delle opere edilizie sono aumentati, ha dichiarato il Ministro dell’Edilizia, Goran Vesić.

Ha aggiunto che l’abolizione della legge ha portato investimenti per 100 milioni di euro, un valore “significativamente più alto rispetto al periodo in cui la legge era in vigore, ovvero 31 milioni di euro di investimenti”.

Le modifiche alla legge hanno facilitato la trasformazione della proprietà fondiaria in Serbia, ampliando la cerchia di aziende che possono acquisire gratuitamente i diritti di proprietà sui terreni edificabili.

Nell’aprile di quest’anno, il NALED ha pubblicato una ricerca che mostra che, da quando la legge è stata revocata, sono state presentate 2.169 richieste di conversione gratuita dei terreni, di cui più della metà sono già state risolte positivamente.

Quasi la metà delle aziende che hanno presentato o stanno per presentare una richiesta di conversione del diritto d’uso del terreno in un diritto di proprietà, prevede di investire in quei luoghi, un terzo ha presentato una richiesta per diventare proprietario di terreni edificabili e l’11% ha previsto di vendere lotti di terreno, secondo la ricerca.

In totale, secondo la ricerca del NALED, sono stati pianificati investimenti per 88 milioni di euro su terreni edificabili che si estendono per circa 1,2 milioni di metri quadrati.

(Nova Ekonomija, 29.05.2024)

https://novaekonomija.rs/ostalo/ukidanje-zakona-o-konverziji-privuklo-100-miliona-evra-investicija

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top