La “Zidjin” colpevole per le alte concentrazioni di arsenico a Bor? Chiesta un’ispezione

L’Istituto di regolamentazione per le energie rinnovabili e l’ambiente “RERI” e l’Associazione dei giovani ricercatori di Bor hanno presentato una richiesta al Ministero della protezione ambientale di avviare un’ispezione straordinaria alla “Zidjin Bor Koper” per il sospetto che le alte concentrazioni di arsenico rilevate nel 2021 siano state dovute alla lavorazione del rame nelle fonderie della stessa società.

Hristina Vojvodić della “RERI” ha dichiarato a “Euronews Serbia” che nel 2022 sono state registrate alte concentrazioni di arsenico, così che alla fine di gennaio la concentrazione di arsenico nell’aria era 180 volte superiore a quella consentita. “Il valore medio consentito di arsenico all’anno nella polvere, particelle PM10, è di 6 nanogrammi per metro cubo. Quello che abbiamo visto dal rapporto è che queste concentrazioni vengono superate ogni anno in ciascuna stazione di Bor. Vediamo una continuità nelle alte concentrazioni di arsenico e può essere pericoloso”.

Dall’altra parte, l’Ambasciata cinese ha affermato che le aziende cinesi, dopo aver rilevato la miniera di Bor, hanno investito 217 milioni di dollari nella protezione dell’ambiente e nell’agosto dello scorso anno è stato costruito un nuovo sistema per la raccolta dei gas di combustione nella fonderia. Tuttavia, Hristina Vojvodić afferma che sebbene le misure siano state viste, si tratta di un impianto illegale. “Quell’impianto è stato costruito senza i permessi adeguati ed è funzionante. È necessario uno studio adeguato sulla valutazione dell’impatto ambientale, perché se ciò non accadesse, allora potremmo avere problemi più grandi”, ha affermato.

https://www.euronews.rs/srbija/drustvo/42816/reri-i-mladi-istrazivaci-podneli-zahtev-za-nadzor-zidina-iz-kompanije-kazu-ulazemo-u-zastitu-zivotne-sredine/vest

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top