La visita di Lavrov a Belgrado per contrastare la nuova amministrazione Biden

“La visita del Ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, nei Balcani può essere intesa come uno sforzo per chiedere un sostegno più forte alla Russia, vista l’imminente acquisizione del nuovo mandato dell’amministrazione statunitense di Biden”, ha detto Paul McCarthy, direttore regionale per l’Europa dell’Istituto repubblicano internazionale (IRI).

Una delle conclusioni più importanti della pubblicazione “Sette anni di armonizzazione della Serbia con la politica estera e di sicurezza comune dell’UE”, è che l’incoerente politica estera perseguita dalla Serbia crea l’impressione che il Paese non condivida gli interessi o i valori su cui si basa l’UE.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Secondo la pubblicazione, la Serbia ha avviato negoziati con l’UE nel 2013 e in giugno e settembre 2014 ha completato la revisione analitica per il capitolo 31 – Politica estera, di sicurezza e di difesa comune dell’UE, ma non ha ancora aperto quel capitolo, né ha ricevuto una relazione.

Le questioni relative al contenuto del capitolo sono arrivate al centro dell’attenzione dopo l’apertura dei negoziati, principalmente a causa dello scoppio del conflitto armato in Ucraina, dell’annessione della Crimea da parte della Russia e del conflitto nell’est del Paese.

McCarthy, tra l’altro esperto di Balcani, ritiene che la Russia voglia dimostrare di essere un giocatore su cui si può contare. “Potrebbe essere preoccupata che la nuova amministrazione americana, in accordo con gli alleati europei, possa rafforzare l’impegno nella regione”, ha detto McCarthy.

Frederick Hodges, l’ex comandante in capo delle forze di terra statunitensi in Europa, ha visto la permanenza di Lavrov in Serbia come una possibile opportunità per trasmettere alcuni importanti messaggi alle autorità serbe.

Hodges, un associato del “CEPA”, afferma che è sicuro che dei funzionari russi hanno pubblicamente respinto le affermazioni secondo cui il neoeletto governo della Serbia è meno orientato verso la Russia rispetto al passato.

“Tuttavia, mi sembra che il governo serbo sia meno impegnato nei rapporti tradizionali con il Cremlino. Questo lo mostra, ad esempio, l’atteggiamento della nuova Ministra dell’Energia nei confronti del direttore della compagnia serba del gas, che collabora con “Gazprom”. Potrebbe anche essere questo il motivo della visita di Lavrov. La pressione sta crescendo in queste relazioni e spero che l’amministrazione Biden sia pronta a dare una mano al presidente Vučić”, ha concluso il generale Hodges.

http://www.rtv.rs/sr_lat/politika/komentari-posete-lavrov-u-beogradu-da-preduhitri-uticaj-bajdenove-ekipe_1189597.html

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... Biden, CEPA, IRI
Washington vuole che la Serbia riconosca il Kosovo e la Russia rimanga fuori dai giochi

Chiudi