La visita di Erdogan porterà all’apertura di sei nuove fabbriche

L’ambasciatore turco a Belgrado Tanju Bilgic sostiene che durante la sua visita in Serbia il Presidente turco Recep Tayyip Erdogan discuterà con il Presidente serbo Aleksandar Vucic di nuovi progetti utili per entrambi i Paesi e annuncerà l’apertura di sei nuove fabbriche.

“Il Presidente turco torna in Serbia dopo due anni. Quest’anno ricorre il 140° anniversario dell’instaurazione delle relazioni diplomatiche tra i due Paesi e l’amicizia tra i due leader è ai massimi livelli. Questa amicizia, ovviamente, si riflette sulle nostre relazioni bilaterali”, ha affermato Bilgic a”Blic”.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

Durante la visita verrà dato il via alla costruzione dell’autostrada Belgrado-Sarajevo e alla ricostruzione della tratta Novi Pazar-Tutin, nonché verranno aperte sei nuove fabbriche nell’ambito degli investimenti avviati nel 2017.

“Inoltre scopriremo i progetti attuati da “TIKA”, come la fortezza Ram. Certamente, i due leader discuteranno anche di nuovi progetti utili per entrambi i Paesi”, ha continuato l’ambasciatore, sottolineando che la cooperazione economica e commerciale tra i due Paesi cresce ogni giorno.

“Lo scambio commerciale, che ha raggiunto gli 800 milioni di dollari due anni fa, oggi è di oltre 1,3 miliardi, e stanno emergendo nuove opportunità di cooperazione”.

Bilgic ha affermato che a Sremska Raca, alla presenza dei due Presidenti e di membri della presidenza della Bosnia-Erzegovina, sarà posata la prima pietra per la costruzione dell’autostrada Belgrado-Sarajevo, un progetto proposto durante la visita del Presidente Erdogan nel 2017.

“Inizieremo prima i lavori sulla sezione Sremska Raca-Kuzmin, commissionata dalla società turca Tashjapi, e sono in corso i preparativi per il progetto della sezione Pozega-Kotroman (che saranno completati nel 2020) dopodiché inizieremo a lavorare anche lì”.

Durante la visita di Erdogan si terrà una seconda riunione dell’Alto Consiglio per la cooperazione dove si discuterà di relazioni bilaterali e sviluppi regionali.

“Ci sarà anche un forum a cui parteciperanno circa 200 uomini d’affari dalla Turchia, nonché un vertice trilaterale di leader provenienti da Turchia, Serbia e Bosnia ed Erzegovina”, ha dichiarato l’ambasciatore.

Facendo riferimento al “TurkStream”, lo stesso ha sostenuto che si tratta di un’opportunità molto importante sia per la Turchia che per la Serbia, e che i lavori stanno andando secondo i piani e quindi il flusso di gas dovrebbe iniziare a partire dalla fine del 2019.

Sempre Bilgic ha dichiarato che il principale obiettivo della Turchia è migliorare le relazioni economiche e commerciali con la Serbia e rendere istituzionali le relazioni.

“Il nostro obiettivo principale è la sicurezza e la stabilità nei Balcani. È sbagliato cercare altri motivi alla base del desiderio della Turchia di rafforzare la cooperazione economica con la Serbia. Il nostro obiettivo è produrre e crescere insieme”.

L’ambasciatore ha aggiunto che la Turchia riconosce la sovranità e l’integrità territoriale della Bosnia-Erzegovina e ha sottolineato che qualsiasi modifica dell’accordo di pace di Dayton dovrebbe essere raggiunta con il consenso di tutte le parti interessate e sotto la supervisione delle competenti istituzioni internazionali.

“Credo che i risultati del vertice trilaterale dei leader di Turchia, Serbia e Bosnia ed Erzegovina, che si terrà durante la visita del Presidente Erdogan, daranno un contributo concreto a tutta la regione”, ha concluso Bilgic.

https://www.kurir.rs/vesti/biznis/3333359/ambasador-turske-biglic-potvrdio-tokom-erdoganove-posete-srbiji-otvara-se-sest-fabrika

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Aleksandar Vucic, Erdogan, Tanju Bilgiç, Turchia
turchia
L’arrivo di Erdogan: investimenti in salsa neottomana

I cambiamenti nella squadra di governo avverranno solo dopo le elezioni

Close