La vaccinazione obbligatoria è appoggiata dal 78% dei cittadini della Serbia

Circa l’82% degli europei e il 78% dei cittadini serbi appoggerebbe la vaccinazione obbligatoria, secondo i risultati di un sondaggio presentato ieri dal Gruppo “Stada” nell’ambito del nuovo Rapporto sulla salute, che include un’appendice sul comportamento durante la pandemia e valutazioni nei confronti del sistema sanitario.

La ricerca è stata condotta in 12 Paesi, mentre il supplemento riguardante il coronavirus è stato fatto dal 23 al 27 aprile con intervistati solo da Germania, Italia, Russia, Spagna, Gran Bretagna e Serbia.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Il Rapporto mostra che i cittadini spagnoli sono i più aperti alla vaccinazione obbligatoria (94%) mentre i meno entusiasti si trovano in Austria (72%) e Svizzera (70%).

Quando si parla di coronavirus, il 42% degli europei è preoccupato perché non esiste un vaccino e il 40% ha paura di perdere il lavoro. La paura di perdere il lavoro è particolarmente pronunciata in Italia (48%) e Russia (53%).

Il rapporto evidenzia invece che in Serbia 1 intervistato su 6 non si preoccupa affatto della pandemia, mentre solo il 27% degli intervistati ha dichiarato di essere preoccupato delle conseguenze economiche e della perdita dei posti di lavoro.

Alla domanda su quanto siano soddisfatti delle cure mediche ricevute durante la pandemia, i cittadini di Spagna (75%) e Gran Bretagna (74%) sono i più soddisfatti del proprio sistema sanitario.

In generale in Europa, il 61% dei cittadini è soddisfatto del servizio sanitario, il 15% lo critica e il 44% degli intervistati ha dichiarato di aver ora, dopo la pandemia, un rispetto diverso per il lavoro degli operatori sanitari.

Una parte della ricerca è anche dedicata alle innovazioni, e si registra un aumento visibile dal 54% al 70% delle persone che acconsentirebbero a una consultazione video con un medico per malattie minori. In Serbia, tale percentuale sale al 75%.

D’altra parte, quando si tratta di innovazioni legate alle modificazioni genetiche, la metà degli intervistati potrebbe immaginare tale terapia solo per una malattia grave, mentre il 16% afferma che preferirebbe essere malato piuttosto che acconsentire alla modifica dei propri geni.

Il 73% dei cittadini serbi infine pensa che sia importante avere la scheda elettronica affinché possa essere inoltrata via mail a uno specialista, mentre il 78% andrebbe a lavorare anche quando è raffreddato e il 61% avrebbe una relazione intima con il partner, anche se ha il raffreddore.

https://www.danas.rs/drustvo/istrazivanje-obaveznu-vakcinaciju-podrzava-78-gradjana-srbije/

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Rapporto sulla salute, Serbia, STADA
Financial Times: “La Serbia offre agli investitori più centri IT di tutti gli altri”

La Serbia firmerà l’indipendenza del Kosovo il 27 giugno?

Close