La Tepic critica gli affari poco chiari del governo

Il Presidente della Serbia, Aleksandar Vučić, ha dichiarato che sarebbe il primo a chiedere le dimissioni del Ministro delle Finanze, Siniša Mali, se fosse stabilito che c’è qualcosa di illegale nella decisione di assegnare un appalto pubblico di 60 milioni di euro all’uomo d’affari Igor Žeželj e a “Telekom Srbija”.

In precedenza, la vicepresidente del Partito della Libertà e della Giustizia, Marinika Tepic, aveva mostrato pubblicamente il contratto secondo il quale la creazione di un sistema informativo per il calcolo degli stipendi nell’intero settore pubblico, fatto dal Ministero delle finanze, era offerto da “Wireless Media” per oltre sette miliardi di dinari a Igor Žeželj, “Telekom Srbija” e i loro partner.

La rapina dell’anno, sostiene Marinika Tepić, sta avvenendo nel Ministero delle Finanze. Secondo la stessa, questa è l’ultima idea del Partito progressivo serbo.

“Sette miliardi di dinari, ovvero 60 milioni di euro di denaro dei cittadini con questo contratto vanno nelle tasche di Igor Žeželj e “Telekom”, che nel frattempo è stata rapinata. Questa è una decisione firmata da Siniša Mali l’11 febbraio. si vede chiaramente che l’oggetto del contratto è lo sviluppo del sistema informativo. Per cosa?”.

Il Ministro Siniša Mali ha risposto a Marinika Tepić proprio attraverso i media il cui proprietario è proprio Igor Žeželj.

“A parte le bugie quasi quotidiane che dice, senza alcuna vergogna, ora inizia a criticare i progetti volti a introdurre ordine e controllo nel settore pubblico”, ha risposto Mali.

La Tepic ha risposto di nuovo, affermando che il Ministro non ha negato le accuse.

“Il Ministro Mali non è a conoscenza di aver appena confermato tutto quello che ho scoperto. Per ribaltare l’argomento e insultarmi ha comunque confermato di aver dato sette miliardi di dinari al proprietario di “Kurir” e “Telekom”, che Vučić e Lučić hanno già saccheggiato”, ha scritto la Tepić su Twitter.

La società “Wireless Media”, il cui proprietario è Igor Žeželj, afferma di aver ottenuto il lavoro tramite regolari appalti pubblici e che le affermazioni di Marinika Tepić, secondo cui la riservatezza dei dati personali di tutti i dipendenti del settore pubblico sarebbero minacciate, non sono vere.

“I dati personali dei cittadini saranno completamente protetti in conformità con le normative della Repubblica di Serbia, gli standard del settore, le migliori pratiche europee e mondiali e i principi di protezione dei dati personali (GDPR e altri). Tra le altre cose, l’accesso ai dati personali sarà fornito solo alle persone autorizzate all’interno del sistema e in modo che fornisca una chiara identificazione e registrazione delle attività intraprese”.

“Wireless Media” ha aggiunto inoltre che tutte le informazioni sul contratto sono disponibili pubblicamente attraverso il Portale degli appalti pubblici e che tutti avrebbero potuto farsi un’idea della decisione del Ministero.

https://www.021.rs/story/Info/Srbija/267008/Tepic-o-pljacki-godine-od-60-miliona-evra-Telekomu-Vucic-obecava-ostavku-i-hapsenje-Malog-ako-se-dokaze.html

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top