La società turca ETCII pianifica di aprire mattatoi di vitelli in Serbia

La società turca ETCII, che si occupa della produzione di carne rossa, è interessata ad aprire mattatoi in Serbia, scrive il giornale “Srpski Telegraf”.  Si tratta di un investimento da 8 a 10 milioni di euro e impiegherà 100 lavoratori.

Diverse sedi sono state proposte, sopratutto nella Serbia centrale, e alcuni rappresentanti dell’azienda hanno già visitato alcune di esse. L’intera costruzione e l’apertura dei mattatoi dovrebbe essere completata entro marzo del 2019. Gli investitori prevedono che 80% della produzione totale venga esportato.

Secondo le fonti del “Srpski Telegraf”, il Ministro dell’Agricoltura, Branislav Nedimovic, ha negoziato l’apertura dello stabilimento ETCII a Istanbul, e lo ha reso un’investimento greenfield, il che significa che i turchi non compreranno un impianto esistente, ma dovranno costruire da zero.

“È nel nostro interesse avere il maggior numero possibile di mattatoi per il mercato turco. È importante sapere che 5.000 tonnellate di quote di esportazione provengono da 15.000 a 16.000 capi di bestiame. Più grande sarà la quota per di esportazioni esenti da dazi doganali, e maggiore sarà la produzione di bestiame, in quanto l’allevamento del bestiame è il motore di tutte le altre attività agricole” ha dichiarato Nedimovic, aggiungendo che la Serbia ha già raggiunto un accordo con la Cina per l’esportazione di carne bovina e si prevede anche un accordo di esportazione con gli Emirati. Il Ministro dell’Agricoltura inoltre riferisce che si stanno prendendo in considerazione come possibili sedi Cacak e Kragujevac.

(https://www.ekapija.com/news/2121007/turski-etcii-planira-otvaranje-klanice-junadi-u-srbiji-moguce-lokacije-cacak-i)

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top