La società “Energotehnika Južna Bačka” sempre in prima fila negli appalti pubblici

La società “Energotehnika Južna Bačka” di Novi Sad è ancora nell’elenco delle aziende che hanno fatto più affari con lo Stato l’anno scorso e tra quelle che hanno ricevuto i contratti più preziosi. Secondo i dati della ricerca del “Toplički centar za demokratiju i ljudska prava” la società citata ha “vinto” 4 dei 100 appalti pubblici più redditizi nel 2020 guadagnando così quasi 20 milioni di euro. Era l’unico offerente in ciascuna di queste offerte.

Nei prossimi giorni il portale “Nova.rs” renderà pubblico l’elenco delle aziende che hanno vinto i più importanti appalti pubblici nell’anno. I dati mostrano che il maggior numero di contratti tra i 100 di maggior valore nel 2020, conclusi singolarmente o come membri di un gruppo di offerenti, sono stati fatti da: “NIS a.d. Novi Sad (12), Termomont d.o.o. (5), MPP Jedinstvo a.d. Sevojno (4), Energotehnika Južna Bačka d.o.o. Novi Sad (4), Soft 4 Smart d.o.o. Beograd (3), Emporio Team d.o.o. Beograd (3), Oracle Srbija & Crna Gora d.o.o. Beograd (3), Elektromontaža d.o.o. Kraljevo (3) i Khaoticen d.o.o. Beograd (3).

La “Energotehnika Južna Bačka” di Novi Sad non è tra le prime, ma ha fatto molto bene con contratti del valore totale di 2.311.201.000 dinari o 19.654.429 euro, come gli anni precedenti.

La stessa azienda nel 2019 è riuscita a concludere un totale di 122 appalti con lo Stato in un solo giorno. Ciò è accaduto il 14 maggio 2019, e solo pochi giorni prima aveva firmato altri 44 contratti. Quell’anno ha ottenuto un totale di 337 gare nel settore pubblico, per un totale di 261 giorni lavorativi.

È sintomatico che solo due o più offerenti abbiano partecipato ad appena 22 delle 337 procedure di appalto pubblico assegnate alla “Energotehnika Južna Bačka”; nelle restanti 315 non c’erano altri offerenti. Anche l’anno scorso in tutti e quattro gli appalti pubblici in cui ha vinto, la “Energotehnika Južna Bačka” è stata l’unica offerente.

La società, che si occupa di energia, da anni conclude affari lucrosi con lo Stato e ha milioni di profitti. Come rivelato una volta da “KRIK”, nel periodo dal 2013 al 2016 ha guadagnato circa 110 milioni di euro da appalti pubblici, spesso in circostanze sospette. È il caso del pompaggio della miniera allagata sulla Tamnava, affidato dallo Stato a un consorzio guidato dalla “Juzna Backa”, sebbene la società non avesse l’esperienza necessaria, o della vendita di pompe usate alla società “Elektroprivreda Srbije”, a un prezzo quasi doppio delle nuove. Entrambi i casi sono stati segnalati da “BIRN”.

Il proprietario dell’azienda, Dragoljub Zbiljić, è pubblicamente legato al Partito progressivo serbo. Lui ha negato, dicendo che non è un membro del partito, ma che è “un sincero ammiratore di ciò che sta facendo Aleksandar Vučić”. Tuttavia, sempre “BIRN” ha rivelato che Zbiljic è stato il garante del partito “SNS” per un prestito di circa mezzo milione di euro prima delle elezioni del 2012.

Sebbene Dragoljub Zbiljić sia l’unico proprietario della società, come ha scritto “KRIK”, si è affidato all’imprenditore Nenad Kovač, noto al pubblico con il soprannome di “Neša Roaming”, durante l’acquisto dell’azienda che ha fatto da garante. Inoltre, Zbiljić non ha potuto prendere decisioni importanti da solo per quanto riguarda gli affari dell’azienda ma ha dovuto per un po’ avere l’approvazione di uno dei dirigenti di Kovač.

Kovac è anche da molto un partner commerciale di Nikola Petrovic, ex direttore di “Elektromreze Srbije” e padrino del Presidente della Serbia, Aleksandar Vucic. Grazie a questi o ad altre relazioni, la “Energotehnika Južna Bačka” riceve di anno in anno gli appalti pubblici di maggior valore e riscuote importi di decine di milioni di euro dalle casse statali.

20 miliona za „Južnu Bačku“: Naše pare u njihovim džepovima

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... affari con lo Stato, appalti pubblici, Energotehnika Juzna Backa, KRIK
“KRIK” sotto attacco per le rivelazioni su Belivuk

NALED: “Per metà degli appalti un solo offerente, 1/5 senza offerte”

Chiudi