La serie coreana “Squid Game” preoccupa gli psicologi infantili

I ragazzi in Serbia non solo guardano come tutti la popolarissima serie sudcoreana “Squid Game”, ma imitano anche delle scene di questo thriller, che abbonda di episodi di violenza espliciti e brutali. Secondo gli esperti, è particolarmente preoccupante che tra coloro che assorbono questo tipo di contenuti, ci siano anche bambini di otto o nove anni, e persino alcuni insegnanti di classe hanno avvertito i genitori di questa pericolosa tendenza negli incontri a scuola.

“L’esposizione visiva dei bambini alla violenza non va bene ed è pericolosa, perché è certo che almeno una parte di loro vorrà imitarla”, ha detto a “Kurir” la psicologa infantile Branka Tišma.

“I bambini molto spesso si identificano con le cose che vedono, ed è particolarmente problematico che non abbiano un’immagine realistica. Per loro, anche se guardano contenuti di fantasia, sembra che sia qualcosa di possibile; non è vita reale ma danno vita a quella sensazione. Pensano che qualunque cosa accada si può rivedere o cambiare dall’inizio. Tuttavia, questo, non è il caso. Quando succede un omicidio nella vita reale è successo e non si torna indietro”, dice Tišma e aggiunge che non crede che i bambini siano consapevoli delle responsabilità di ciò che è stato fatto prima.

Particolare preoccupazione, dice, è la divisione del mondo in ricchi e poveri: “Oltre all’aggressività, cambiano anche i confini morali e i giudizi morali dei bambini. I bambini iniziano a credere che puoi anche uccidere o fare qualcosa di male per ottenere ciò che vuoi, cioè che “il fine giustifica i mezzi”. È una crudeltà che non serve nel momento dello sviluppo”.

https://www.kurir.rs/vesti/drustvo/3808735/deciji-psiholog-o-malisanima-koji-gledaju-brutalnu-seriju-skvid-gejm-ucimo-ih-da-je-u-redu-ubiti-da-bi-dobio-ono-sto-hoces

Photo credits: “Netflix”

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top