La Serbia vuole rafforzare la cooperazione con il Giappone

Il primo ministro serbo Aleksandar Vucic ha ricevuto in visita di congedo l’Ambasciatore del Giappone Masafumi Kuroki, con il quale ha discusso sulla promozione della cooperazione tra i due paesi.

Vucic ha ringraziato l’ambasciatore giapponese per i suoi sforzi nel migliorare la cooperazione tra Serbia e Giappone, alla quale ha contribuito con la sua vasta esperienza e abilità diplomatica, viene detto dall’ufficio governativo per le relazioni con i media ripreso dall’agenzia “Tanjug”.Il primo ministro serbo ha ringraziato il Governo giapponese per il grande aiuto fornito in campo umanitario, dello sviluppo e finanziario.

“Vogliamo rafforzare ulteriormente le relazioni con il Giappone, un grande amico della Serbia”, ha rimarcato  il primo ministro serbo e ha detto inoltre che la visita del Presidente del governo del Giappone Shinzo Abe è stato un grande onore per il nostro paese. “Possiamo imparare molto dai giapponesi e dalla loro devozione al lavoro”, ha detto Vucic.

L’Ambasciatore Kuroki ha detto che la Serbia, durante il suo mandato ha fatto un sacco di progressi e che l’importante è che il governo serbo a prosegua con le riforme economiche, giuridiche e sociali messe in atto, si aggiunge nel comunicato. “L’obiettivo della politica estera della Serbia di adesione all’Unione europea porta benefici  principalmente alla gente serba nonché all’economia del paese”, ha detto l’ambasciatore giapponese. Kuroki ha annunciato nuovi investimenti giapponesi in Serbia, ma, fatta eccezione per il progresso della cooperazione economica, ha espresso il desiderio di migliorare la cooperazione per quanto riguarda la  cultura, lo sport e gli altri settori.

L’Ambasciatore Kuroki ha detto che il compito più importante del suo successore a Belgrado sarà la  realizzazione della visita del primo ministro Vucic in Giappone, perché darebbe un contributo eccezionale alle relazioni serbo-giapponesi.

(RTS, 18.06.2015)

Share this post

scroll to top
More in Aleksandar Vucic, Giappone, lavoro
La “NCR” impiegherà 800 nuovi dipendenti in Serbia entro la fine del 2015
Risoluzione su Srebrenica: due possibilità davanti alla Serbia

Close