La Serbia tra i primi cinque Paesi per soluzioni innovative durante la pandemia

Durante lo stato di emergenza, la Serbia ha implementato un gran numero di soluzioni innovative a breve termine in risposta alla crisi causata dalla pandemia, e si è quindi trovata ai vertici dei Paesi con il maggior numero di innovazioni durante la crisi da “COVID-19”.

L’istituzione di soluzioni tecnologiche innovative e servizi elettronici mirava a raggiungere un coordinamento ottimale dell’assistenza sanitaria, dell’istruzione, della sicurezza e di altri sistemi chiave in tempi di crisi, fornendo informazioni tempestive e accurate ai cittadini, e servizi continui ai cittadini e all’economia.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

L’osservatorio sull’innovazione del settore pubblico dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) monitora le risposte innovative dei governi alla crisi da “COVID-19” e il sito ufficiale dell’organizzazione (https://oecd-opsi.org/covid-response/) presenta le soluzioni implementate nella Repubblica di Serbia.

Con 22 soluzioni innovative, la Serbia è uno dei cinque Paesi al mondo con il maggior numero di innovazioni. Nell’analisi pubblicata il 28 maggio sul sito web dell’Osservatorio OCSE, le soluzioni e le applicazioni “Doniraj plazmu”, “Budi volonter”, “Digitalna Solidarnost”, che sono state implementate con il supporto del Good Governance Fund e del Programma del Regno Unito e dell’Agenzia delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP), il servizio di informazioni automatiche COVID-19 (chatbot), nonché “Moja ucionica”, “Moja skola”, “eVrtic”, “eUpis”, l’iniziativa di donare computer ai bambini di famiglie socialmente svantaggiate e altre soluzioni come risposta integrata del sistema educativo, sono state evidenziate come esempi di buone pratiche.

La Premier della Repubblica di Serbia, Ana Brnabić, ha dichiarato in questa occasione che il modo di pensare innovativo si è rivelato un approccio necessario in una situazione critica e che i precedenti investimenti in tecnologia e innovazioni erano in realtà investimenti nella resilienza e agilità del nostro sistema.

Grazie a questi risultati, la Serbia è stata invitata a partecipare alla Dichiarazione OCSE sull’innovazione nel settore pubblico. Questa dichiarazione è stata firmata nel 2019 da 35 Paesi membri dell’OCSE e la Serbia sarebbe uno dei pochi Paesi a poter aderire anche se non è membro. Il documento ha lo scopo di incoraggiare, sostenere e rafforzare l’innovazione nel settore pubblico e affermare un approccio innovativo nel risolvere le sfide vecchie e nuove.

https://www.ite.gov.rs/vest/5052/srbija-medju-prvih-pet-zemalja-oecd-ove-inicijative-za-prijavljivanje-inovativnih-resenja-tokom-pademije.php

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Brnabic, innovazione tecnologica, OCSE
Il festival EXIT quest’anno si terrà in agosto

Brnabic: “La lotta contro il COVID-19 in Serbia non reprime la democrazia”

Close