La Serbia protesta a causa dell’immagine di Tesla sugli euro croati

Il presidente dell’Associazione dei serbi della regione, Miodrag Linta, ritiene che la Serbia dovrebbe protestare davanti all’Unione Europea per la scandalosa decisione della Croazia di mettere la figura di Nikola Tesla sulle monete in euro croate.

“Questo è uno dei tanti tentativi vergognosi, perfidi e ipocriti da parte della Croazia di appropriarsi del famoso scienziato serbo Nikola Tesla, dichiararlo croato e il più grande inventore croato, negando così con insistenza il fatto storico che Tesla fosse serbo e che il mondo intero lo riconosca come serbo”, ha affermato Linta.

Lo stesso ha sottolineato che la Croazia “è costantemente impegnata nella falsificazione della storia e nel furto del patrimonio culturale e scientifico del popolo serbo, e ha spudoratamente rubato i suoi scienziati, scrittori, poeti e artisti”.

Linta dice che i fatti mostrano che Nikola Tesla nacque nel 1856 nella “Vojna Krajina”, una delle province della monarchia asburgica dove il popolo serbo era in stragrande maggioranza. Fino alla sua abolizione nel 1881, la Krajina era sotto il diretto dominio austriaco e al momento della nascita di Tesla non aveva nulla a che fare con la Croazia; il padre di Tesla era un sacerdote ortodosso e Nikola è stato battezzato nella Chiesa ortodossa serba dei Santi Pietro e Paolo a Smiljan, mentre la madre Georgina era nata a Tomingaj in una famiglia di un sacerdote serbo ortodosso, Nikola Mandić, e di sua moglie Sofija Mandić, nata Budisavljević.

Inoltre, aggiunge Linta, membri delle formazioni militari croate avrebbero distrutto il monumento dedicato a Nikola Tesla nel febbraio 1992 nella cittadina di Gospić.

https://www.politika.rs/sr/clanak/498893/Srbija-treba-da-ulozi-protest-Evropskoj-uniji-zbog-lika-Tesle-na-hrvatskoj-kovanici-evra

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top