La Serbia prima in Europa per povertà

In Serbia, un quarto della popolazione  vive mensilmente con un reddito di 15.400 dinari, si potrebbe dire in stato di povertà relativa. Se confrontato con i paesi dell’Unione Europea i dati pongono la Serbia al primo posto sulla lista dalla povertà, ha detto oggi il professore della Facoltà di Economia Mihail Arandarenko.

Durante una discussione presso la Facoltà di Economia di Belgrado, in occasione della presentazione del nuovo numero della rivista “Monitoraggio della situazione sociale in Serbia” (MONS), Arandarenko ha detto che la povertà in Serbia è ancora misurata sulla base di ipotesi contenute nel Documento sulla Strategia per la Riduzione della Povertà di 15 anni fa.

“In Serbia, il tasso di povertà si calcola, non attraverso il concetto europeo di povertà relativa, che implica che il reddito sia inferiore al 60% della media nazionale, ma attraverso la povertà assoluta che è definita dal paniere dei consumatori, nel quale ci sta solamente il minimo per la sopravvivenza”, ha dichiarato Arandarenko.

Il concetto di povertà relativa, secondo Arandarenko, significa che per ridurre la povertà è essenziale, non solo la crescita economica, ma anche ridurre le disparità di reddito in modo che più persone possano partecipare alla vita economica, sociale e culturale del Paese. “Se si fa il paragone con i Paesi dell’UE, e si immette anche la Turchia nella lista, la Serbia è in prima linea nel tasso di povertà relativa, dietro alla Bulgaria, al Portogallo e alla Macedonia”, ha detto Arandarenko. Ha aggiunto anche che “nel 2016 il tasso di povertà assoluta della popolazione con reddito inferiore a 11.700 dinari era del 7,3% , e in estrema povertà c’era dall’1% al 1,5% della popolazione”. Arandarenko ritiene che la povertà assoluta non è solo una caratteristica dei Paesi sottosviluppati e che in America, il cui paniere dei consumatori è molto più ricco, la percentuale di povertà misura è del 12,7%.

Oggigiorno la politica sociale, secondo il professore Danilo Vukovic, assistente presso la Facoltà di Giurisprudenza di Belgrado, è subordinata all’economia così come il documento di strategia della riduzione della povertà.  “Oggi, le politiche sociali non affrontano le cause della povertà e della scarsa istruzione, e non cercano di risolvere i problemi, ma offrono le stesse soluzioni di 15 anni fa, il che significa che anche questo Governo non ha una visione ben chiara per una politica sociale efficace che, tra le altre cose si raggiunge anche con il rafforzamento del potere politico di quei gruppi che sono particolarmente colpiti”, ha detto Vukovic. Ha aggiunto che le politiche statali offrono una lotta per il benessere senza la partecipazione di coloro la cui prosperità si tende.

La rivista MONS è pubblicata dal Fondo per lo sviluppo delle scienze economiche (FREN).

(https://naslovi.net/2018-04-16/beta/arandarenko-srbija-po-siromastvu-prva-na-listi-u-evropi/21520762 )

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top