La Serbia potrebbe rimanere senza medici?

Non si sa esattamente quanti medici hanno lasciato la Serbia. Tuttavia, la diaspora medica serba avverte che negli ultimi anni il paese ha dato al mondo più di 10.000 medici e che un laureato in medicina su quattro è andato all’estero, anche se la formazione di un ortopedico o di un cardiologo costa allo Stato dai 30.000 ai 50.000 euro.

Il fatto è che ancora molti servizi sanitari richiedono una lunga attesa, e siamo spesso insoddisfatti del modo in cui si viene trattati. Tuttavia, più volte viene  dimostrano che la Serbia ha buoni medici, spesso conosciuti e richiesti dal mondo.  E visto che in Serbia non sono stati felici, molti di loro lavorando in Alaska, in Nuova Zelanda, mentre negli ultimi tempi, di solito vanno in Germania e in Norvegia.

Secondo Vesna Jovanovic, direttore della Camera dei medici serbi, non esistono informazioni esatte per quanto riguarda il numero di medici espatriati, ma ogni anno, rispetto all’anno precedente, oltre 200 o 300 di loro vuole andare all’estero.

Slavica Djukic-Dejanovic, presidente del Comitato per la salute e per la famiglia, pensa che gli imprenditori privati del settore dovrebbero essere completamente separati dalle istituzioni statali e avere l’obbligo di impiegare il personale, mentre Nebojsa Lalic, preside della Facoltà di Medicina e di Chirurgia presso l’Università di Belgrado, sottolinea che è necessario considerare tre cose: il rispetto nella società, un compenso adeguato e la possibilità di sviluppo professionale continuo. Iimportante è anche che i rappresentanti della Facoltà di Medicina, del Ministero e del Consiglio sanitario elaborino un’analisi dettagliata dei bisogni della Serbia e che definiscano la politica di ammissione alle facoltà di medicina.

(RTS, 29.07.2015)

http://www.rts.rs/page/stories/ci/story/124/%D0%94%D1%80%D1%83%D1%88%D1%82%D0%B2%D0%BE/1991966/%D0%98%D0%B7%D0%B2%D0%BE%D0%B7%D0%B8%D0%BC%D0%BE+%D0%BB%D0%B5%D0%BA%D0%B0%D1%80%D0%B5+%D0%BE%D0%B4+%D0%90%D1%99%D0%B0%D1%81%D0%BA%D0%B5+%D0%B4%D0%BE+%D0%9D%D0%BE%D0%B2%D0%BE%D0%B3+%D0%97%D0%B5%D0%BB%D0%B0%D0%BD%D0%B4%D0%B0.html

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top