La Serbia in mezzo alla furiosa guerra del gas tra Russia UE e USA

Sulla scia della crisi energetica, è in corso una furiosa guerra del gas tra la Russia, da un lato, e l’Unione Europea e gli USA, dall’altro. L’UE sta valutando la possibilità di limitare il prezzo all’ingrosso del gas da tutti i fornitori e la Commissione europea sta cercando di garantire che ciò avvenga solo con il carburante blu russo, al fine di ridurre le entrate di Mosca grazie a quella fonte di energia, scrive “Novosti”.

Il Presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato all’inizio del mese che il Paese smetterà di fornire gas se l’UE prenderà una decisione del genere. Egli stima che in tale situazione l’esportazione di questo prodotto energetico russo verrebbe completamente interrotta, compreso il gas che arriva attraverso l’Ucraina e il “Turkish Stream”, che rifornisce anche la Serbia attraverso la Bulgaria. Gli esperti stimano che non sia nell’interesse della Russia rinunciare ai mercati in cui vende il suo carburante blu. Tuttavia, tenendo presente che la Bulgaria ha dimostrato di essere un anello debole in precedenti situazioni di crisi e che ha sempre ceduto alle pressioni di Bruxelles, anche se estremamente dannose anche per lei, c’è il vero timore che possa succedere nuovamente. La Bulgaria ha pagato a caro prezzo l’abbandono del “South Stream”, danneggiando così anche la Serbia, perché quel gasdotto doveva passare anche attraverso la Serbia. Dopo il conflitto in Ucraina, ha rinunciato al gas russo rifiutandosi di pagarlo in rubli. A quel tempo, alcuni esperti bulgari hanno anche accennato alla possibilità che quel Paese interrompesse il transito di carburante blu verso la Serbia e l’Ungheria.

Allo stato attuale delle cose, lo sforzo degli Stati Uniti e dell’UE per recidere tutti i legami energetici con la Russia sta volgendo al termine. Le uniche due rotte attraverso le quali il gas russo ora raggiunge l’Europa sono l’Ucraina e il “Turkish Stream”. Tuttavia, gli interlocutori di “Novosti” ritengono che non convenga alla Bulgaria ripetere gli stessi errori. “Non mi aspetto che la Bulgaria soccomberà nuovamente alle pressioni di Bruxelles, perché ha pagato a caro prezzo l’abbandono del “South Stream” e della centrale nucleare “Belene””, afferma l’esperto di energia Miloš Zdravković. Il “Turkey Stream” sta funzionando a pieno regime e anche altri Paesi europei, come Slovacchia e Austria, sono riforniti con quel gas dall’Ungheria. Non è certo nel loro interesse fermarlo.

Zdravković fa un esempio che mostra chi ci guadagna in questa situazione. Afferma che ora il prezzo del gas negli Usa è di circa 300 dollari per 1.000 metri cubi, mentre sulle borse europee è sei volte più alto, intorno ai 2.000 dollari. Il prezzo del gas, aggiunge, incide direttamente sul prezzo dell’elettricità, motivo per cui l’elettricità è cara in Europa. Anche il Ministro degli Affari esteri ungherese, Peter Szijártó, ha richiamato l’attenzione sulla sicurezza del “Turkish Stream”. Come riportato dai media ungheresi, Szijártó ha sottolineato che in questa situazione occorre prestare maggiore attenzione alla sicurezza di quel gasdotto per evitare incidenti come quelli relativi al “North Stream” 1 e 2. Dopo quel sabotaggio, valuta che il funzionamento del gasdotto sul fondo del Baltico non sia garantito ed è per questo che è aumentata l’importanza del “Turkish Stream”. Mercoledì, alla riunione dei ministri dell’Energia dell’Organizzazione degli Stati turchi in Kazakistan, ha invitato i leader dei Paesi attraverso i quali passa il “Turk Stream” a prestare attenzione al suo funzionamento.

Commentando la possibilità di un attacco al gasdotto che trasporta carburante blu alla Serbia attraverso la Turchia, gli esperti ritengono che sia molto più difficile realizzarlo su questo gasdotto. Vuletić fa notare che il “Turkish Stream” è sotto il controllo russo e turco nel Mar Nero e fa notare che non sarebbe buono nemmeno per la Bulgaria che ciò accadesse sul suo territorio. “Non so chi ha compiuto l’attacco terroristico al “North Stream”, ma è chiaro che l’America ne trae profitto”, sottolinea Zdravković. “Inoltre, è noto che in passato hanno bloccato la costruzione del “North Stream” 1 e 2 e che hanno interrotto la costruzione del “South Stream”. Quanto al “Turkish Stream”, l’accesso è nelle profondità del Mar Nero, sotto il controllo russo e turco, ed è molto più difficile compiere un attacco terroristico rispetto al caso dell’oleodotto nel Baltico, fatto nella parte più bassa vicino all’isola di Bronholm”.

La Serbia ha già immagazzinato sufficienti quantità di gas. In Ungheria ha attualmente 380 milioni di metri cubi e si prevede che saranno alla fine 500 milioni di metri cubi. A Banatski Dvor ci sono un totale di 560 milioni di metri cubi di carburante blu serbo e russo. Il direttore di “Srbijagas” Dušan Bajatović ha recentemente valutato che c’è abbastanza gas e che, secondo l’accordo con la Russia, la Serbia pagherà un prezzo estremamente basso per il rifornimento, attualmente 368 dollari, nei prossimi due trimestri 420, e poi 388 dollari per 1.000 metri cubi di gas.

Da li će naša zemlja biti kolatretalna šteta gasnog rata između Rusije, EU i SAD?

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top