La Serbia importerà dall’Ungheria 30.000 tonnellate di grano

Il governo serbo ha approvato un regolamento che autorizza l’importazione di grano senza dazi. La Serbia importerà circa 30.000 tonnellate di grano di alta qualità entro la fine di aprile, poiché il grano serbo di quest’anno non soddisfa gli elevati standard dei mugnai e dei pasticceri locali. Il governo serbo, su loro richiesta, ha autorizzato quindi l’importazione di grano, esente da dazio, dall’Ungheria.

Il grano locale è molto più economico e costa circa 20 dinari, mentre l’importazione è di circa 25 dinari per chilogrammo. Il prezzo è dettato dalla qualità del grano di quest’anno.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

“Le società di importazione compreranno solo grano di “allevamento” perché sono i cereali di più alta qualità esistenti sul mercato, spiega Novan Branislav Nedimovic, Ministro dell’agricoltura. Il nostro grano attualmente ha una qualità media e quest’anno oltre il 50% delle colture è destinato all’alimentazione animale. E’ piovuto molto ad aprile e il nostro grano non è così buono. Pertanto, quello importato verrà miscelato con il nostro destinato all’alimentazione, in modo che mugnai e pasticceri possano ottenerne uno in grado di soddisfare la qualità richiesta”.

Il Ministro Nedimovic afferma che pasticceri e mugnai serbi in Ungheria saranno in grado di acquistare fino a 30.000 tonnellate di grano, circa l’1% della produzione totale del Paese.

“Il grano destinato agli animali sarà esportato, mentre la migliore qualità non c’è neanche per noi, ha detto Nedimovic. L’ultima volta che è stata approvata un’importazione è stato quando c’è stato un periodo di siccità. Una grande quantità di acqua ha “lavato” il grano. Non è un problema di scarsità, ma di qualità”.

Quest’anno, i coltivatori hanno seminato il grano su 550.000 ettari, una superficie simile all’anno scorso. Secondo Sakovic, direttore dell’associazione “Zita Srbije” non è stato mai seminato di meno; al massimo si sono seminati 650.000 ettari.

“Dobbiamo sperare che il raccolto di quest’anno sia buono, perché gli ultimi due anni sono stati estremamente dannosi per il grano, afferma Sakovic. Il raccolto dell’anno scorso è stato di 2,5 milioni di tonnellate, di cui circa 1,2 milioni sono necessarie per il consumo interno”.

https://www.novosti.rs/vesti/naslovna/ekonomija/aktuelno.239.html:843046-Na-sta-spade-zitnica-Evrope-Srbija-UVOZI-30000-tona-PSENICE-iz-Madjarske

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top