La Serbia è presente nella mappa mondiale delle industrie creative

Il settore dell’industria creativa in Serbia ha una quota pari al 5% del prodotto interno lordo (PIL), con una chiara tendenza al rialzo; è quasi a livello della quota del settore turistico (6%), dell’agricoltura (6%) e delle costruzioni (4%), mostra un rapporto della Facoltà di Economia di Belgrado sugli effetti delle industrie creative nell’economia nazionale.

La crescita del numero di aziende del 25% (da 56.000 a 70.700 entità registrate dal 2016 al 2018) impegnate in alcune delle 80 attività basate su talento, idee, conoscenza e creatività e 120 mila posti di lavoro in più è un indicatore dello sviluppo e dell’importanza di questo settore, evidenzia il rapporto.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Il contributo del settore delle industrie creative è forse meglio illustrato dalle esportazioni totali di questo settore, che sono aumentate fino al 46,7% solo negli ultimi due anni, mentre, al confronto, le esportazioni totali della Serbia sono aumentate del 30%.

Solo negli ultimi tre anni sono stati fatti investimenti estremamente importanti in questo settore, per un valore di oltre 400 milioni di euro, con investimenti in ricerca e sviluppo, istruzione, creazione di nuovi valori e nuova proprietà intellettuale in Serbia.

“L’analisi mostra che il maggior numero di aziende in questo periodo è stato fondato nel campo della programmazione informatica, dell’industria dello sviluppo di videogiochi e della produzione di contenuti audiovisivi”, ha continuato il rapporto “Analisi degli effetti economici del settore delle industrie creative sull’economia serba”.

Igor Kovacevic, professore assistente alla Facoltà di Economia di Belgrado, spiega che le industrie creative sono molto importanti perché mettono in primo piano la conoscenza e l’informazione, come risorse fondamentali su cui poggiano le economie moderne, e contribuiscono così alla trasformazione di una società basata sulla conoscenza.

“In questo contesto, le industrie creative, oltre a creare nuove aree aggiungono valore alle industrie tradizionali e migliorano l’efficienza produttiva, aumentano la qualità dei prodotti che ora sono più a misura delle esigenze dei consumatori contemporanei e, infine, rendono disponibili prodotti e servizi a livello globale”, ha affermato Kovacevic. Aggiungendo che il contributo diretto delle industrie creative in Serbia è registrato attraverso gli impatti economici sulla crescita del PIL, ma anche attraverso la crescita dell’occupazione e delle esportazioni.

“Inoltre, le dimensioni integrative e di sviluppo a livello macro e micro hanno un impatto sull’intera economia. Significativi investimenti esteri da parte di importanti aziende globali in Serbia hanno dimostrato che il prodotto delle industrie creative in Serbia è già riconosciuto nel mondo ed si posiziona come leader. Pertanto, la nostra conoscenza e creatività rimarranno e svilupparsi in Serbia, e non solo a Belgrado, ma anche a Niš, Uzice, Subotica, Kragujevac, da dove le nostre idee e soluzioni vanno già oggi nel mondo”, ha concluso Kovacevic.

https://www.rtv.rs/sr_lat/ekonomija/srbija-konkurentna-na-svetskoj-mapi-kreativnih-industrija_1099843.html

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in idee, industria creativa, ricerca e sviluppo, Serbia
Un parco eolico in Serbia per dare elettricità a metà Europa

istruzione
La Serbia perde la piena adesione all’ENQA

Close