La Serbia e la regione italiana del Veneto firmano un accordo di cooperazione

La Premier Ana Brnabic e il Presidente della regione Veneto, Luca Zaia, hanno firmato un accordo sullo sviluppo economico, sociale e culturale.

Secondo il comunicato stampa del governo serbo, dopo la firma la Brnabic ha dichiarato che l’accordo assicurerà la continuazione della cooperazione nel campo dell’economia e delle attività produttive e amplierà la cooperazione nel campo delle industrie creative, dell’istruzione e della scienza.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

La Ministra ha aggiunto che la Serbia era interessata a proseguire la cooperazione nel segmento delle tecnologie e degli investimenti innovativi con le piccole e medie imprese venete, una regione che si ritiene leader in Italia in questo segmento.

Luca Zaia ha affermato che le “buone condizioni e gli incentivi” offerti dalla Serbia alle aziende italiane e il contesto economico stabile sono stati una garanzia di cooperazione continua.

Zaia ha anche offerto l’assistenza e l’esperienza veneta nella digitalizzazione dell’assistenza sanitaria, dato che la regione ha completamente digitalizzato il suo sistema sanitario, il che ha portato a un controllo completo dei costi, a beneficio degli operatori sanitari e a una ritrovata fiducia delle persone nel sistema sanitario.

Altre notizie riportano che il ramo serbo dell’associazione degli industriali italiani, Confindustria, ha tenuto la sessione dell’assemblea a Belgrado, alla presenza di rappresentanti del governo serbo, dell’ambasciata italiana, dei suoi membri e associati.

Il Ministro degli Esteri serbo, Ivica Dacic, che ha partecipato alla riunione, ha dichiarato che la Serbia collabora con successo con l’Italia da molti anni e ha aggiunto che Belgrado ha pianificato di ospitare una riunione congiunta dei due governi.

Secondo lui, “l’Italia è tra i maggiori investitori nell’economia serba e finora le società italiane hanno investito circa tre miliardi di euro in Serbia e impiegato 26.000 lavoratori”.

Il presidente di Confindustria, Patrizio Dei Tos, ha affermato che una delle priorità per gli uomini d’affari che svolgono attività all’estero è una costante e stretta collaborazione con le istituzioni locali.

“È solo attraverso un rapporto di fiducia, armonia, dialogo e condivisione delle conoscenze che possiamo economizzare con un obiettivo chiaro, e ottenere il massimo dai nostri progetti di business”, ha dichiarato Dei Tos.

https://www.danas.rs/politika/potpisan-sporazum-o-saradnji-srbije-i-italijanske-regije-veneto/

http://rs.n1info.com/Vesti/a566580/Dacic-Italija-i-Srbija-uspesno-saradjuju-imacemo-zajednicku-sednicu-dve-vlade.html

Photo credits: “Serbian Government, Beta, Slobdan Miljevic, DS”

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Brnabic, cooperazione, industria, Luca Zaia
Il Ministero della sanità: “Non c’è motivo di farsi prendere dal panico a causa dell’inquinamento”

Vucic: “Entro la fine del 2025 lo stipendio medio in Serbia sarà di 900 euro”

Close