La Serbia contrarrà nuovi prestiti per un valore di 1 miliardo di euro

Il governo serbo ha inviato una serie di progetti di legge al Parlamento, che, se adottati, porteranno a più di un miliardo di euro di nuovo debito.

Attualmente, ci sono otto progetti di legge nel Parlamento serbo riguardanti nuovi prestiti statali per finanziare vari progetti che sono in corso o che presto inizieranno. Se tutti questi progetti di legge passeranno con successo la procedura parlamentare, la Serbia avrà un po’ più di un miliardo di euro di nuovo debito, più gli interessi che verranno pagati sui prestiti.

Inoltre, lo Stato si aspetta un differimento sul rimborso di due prestiti dal Fondo di Sviluppo di Abu Dhabi, ciascuno ammontante a un miliardo di dollari. Tuttavia, questo differimento comporta un aumento del tasso di interesse del prestito al quattro percento, inclusi i costi amministrativi a un tasso dello 0,5 percento annuo sul capitale del prestito prelevato e non rimborsato.

Tra i nuovi prestiti, la Serbia è in attesa dell’approvazione di un prestito dal governo francese. Secondo un protocollo firmato il 23 settembre dell’anno scorso, il governo francese ha approvato un sostegno finanziario al Governo della Serbia per un importo di 121,5 milioni di euro. Questo sostegno finanziario comprende un prestito dal Tesoro francese per un importo massimo di 24.348.272 euro e un contratto di prestito per un importo massimo di 97.151.728 euro.

Come spiegato, questo prestito sarà utilizzato principalmente per l’acquisto di beni e servizi francesi in Francia. Può essere utilizzato anche per l’acquisto di beni e servizi serbi o beni e servizi di paesi terzi, ma solo fino al 50 percento dell’importo del sostegno. Il debito sarà rimborsato a un tasso di interesse che sarà in vigore dalla data di scadenza del tasso di interesse commerciale di riferimento (CIRR), che è stato determinato da Bpifrance Assurance Export il 17 ottobre 2023.

Questo tasso di interesse sarà aumentato di un margine di riserva dello 0,2 percento per sei mesi e dello 0,44 percento per 12 mesi. Il prossimo in linea è il contratto di prestito tra KfW e Serbia per il progetto di efficienza energetica negli edifici pubblici. Se approvato dal Parlamento serbo, questo prestito ammonta a 50 milioni di euro.

La Serbia pagherà interessi su ogni importo del prestito erogato al tasso determinato da KfW entro due giorni bancari prima dell’erogazione. Questo tasso di interesse sarà costituito da un tasso swap pubblicato dai terminali Reuters o Bloomberg, aumentato di un margine dello 0,60 percento annuo.

La Serbia attende anche un altro prestito da KfW per il Programma di Sviluppo del Mercato delle biomasse in Serbia. Questo prestito sarà approvato per un importo totale non superiore a 20 milioni di euro. La Serbia è anche in attesa di un prestito di 183.941.730,60 euro dalla Bank of China.

La legge di bilancio per il 2024 prevede di contrarre prestiti dalle banche cinesi per la progettazione e l’esecuzione dei lavori di costruzione delle infrastrutture fognarie in Serbia – “Serbia Pulita” – per un importo fino a 190 milioni di euro. Inoltre, la Serbia sta cercando l’approvazione del prestito da altre quattro banche. Una di queste banche è OTP, dalla quale la Serbia si aspetta un prestito per la costruzione della tangenziale di Kragujevac. La banca dovrebbe approvare un prestito di investimento a lungo termine in dinari per un importo fino a 12 miliardi di dinari. La Serbia sta anche cercando un prestito da Banca Intesa per finanziare la strada Ruma–Šabac–Loznica. Banca Intesa dovrebbe approvare un prestito di investimento a lungo termine in dinari per un importo fino a 15 miliardi di dinari. Oltre a queste due banche, la Serbia si aspetta un prestito da UniCredit Bank per un importo di 11,7 miliardi di dinari per finanziare lo stesso progetto. Questa banca addebita un tasso di interesse nominale al livello del BELIBOR a sei mesi più il 2,90 percento annuo. Il rimborso del capitale del prestito dovrebbe essere effettuato in 14 rate semestrali uguali.

Lo stato sta anche prendendo in prestito per finanziare lo Stadio Nazionale, in particolare da Banka Poštanska Štedionica. Questo prestito è destinato al finanziamento della costruzione di infrastrutture urbane e dello Stadio Nazionale con le relative strade di accesso. Banka Poštanska Štedionica dovrebbe concedere alla Serbia un prestito di investimento a lungo termine in dinari per un importo di 42 miliardi di dinari.

Oltre a questi otto prestiti diretti in attesa di approvazione nel Parlamento serbo, lo stato sta anche garantendo due prestiti per Elektrodistribucija Srbije (EPS). EPS si aspetta un prestito di liquidità da Cassa Depositi e Prestiti S.p.A per un importo di 100 milioni di euro, a condizione che lo stato agisca come garante.

Inoltre, EPS si aspetta un altro prestito da Deutsche Bank AG per un importo massimo di 97.151.728 euro, per il quale lo stato serbo dovrebbe nuovamente agire come garante.

(Danas, 11.07.2024)

https://www.danas.rs/vesti/ekonomija/srbija-ceka-odobrenje-novih-kredita-koliko-se-jos-zaduzujemo/

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top