La scadenza di Trump per il Kosovo spinta per “rianimare” il dialogo?

Il mese di giugno 2020 come possibile scadenza per la risoluzione definitiva della questione del Kosovo e Metohija da parte dell’amministrazione statunitense è un indicatore del proseguimento dei negoziati tra Belgrado e Pristina.

Questa è la valutazione di un assistente della Facoltà di Scienze Politiche, Milan Krstic, che ha aggiunto che è ovvio che la Serbia si affidi sempre più agli Stati Uniti per risolvere il problema del Kosovo.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

Commentando le dichiarazioni dei media, dove si afferma che il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump vuole che il problema del Kosovo venga risolto entro giugno 2020, insieme a una dichiarazione del professore della “John Hopkins University” Edward Joseph, secondo cui la soluzione sulla questione del Kosovo è nelle mani del Presidente serbo Aleksandar Vucic come leader più forte della regione, Krstic sostiene che ci siano informazioni dagli Stati Uniti le quali rivelano che un accordo sull’annosa questione possa essere raggiunto il prossimo anno.

”Questa di giugno è probabilmente una scadenza approssimativa che non credo significhi molto e che sia così importante, ma è un indicatore del fatto che le dinamiche nei negoziati continuano. Il fatto che una soluzione per il Kosovo si debba trovare è sul tavolo da anni, spesso sono anche state stabilite delle scadenze a proposito, ma poi si è visto che erano posticipabili”, ha dichiarato Krstic a “Tanjug”.

Secondo il professore, la scadenza su cui si specula probabilmente è derivata da colloqui tra funzionari statunitensi sia con Belgrado che con Pristina.

Alla domanda a quali pressioni la Serbia potrebbe essere esposta per raggiungere una soluzione per il Kosovo, ha affermato di essere convinto che Belgrado debba raggiungere un accordo globale sulla normalizzazione delle relazioni con Pristina, il che, a suo avviso, significherebbe firmare un accordo giuridicamente vincolante con Pristina.

Per quanto riguarda l’accordo Belgrado-Pristina, Krstic sottolinea che esistono diverse modalità; una di queste è una demarcazione dei confini che implicherebbe il riconoscimento del Kosovo da parte della Serbia.

Inoltre, un modello che Krstic ha menzionato come soluzione possibile è il cosiddetto modello delle “due Germanie”, il che significherebbe dare un posto al Kosovo al tavolo delle Nazioni Unite e normalizzare le relazioni con Pristina, pur senza un riconoscimento formale dell’indipendenza da parte serba.

Alla domanda su dove la Serbia possa cercare lo spazio per attività diplomatiche e trovare una soluzione di compromesso, il professore ha affermato che è ovvio che la Serbia faccia sempre più affidamento sugli Stati Uniti, e a tal proposito la visita di John Bolton potrebbe accelerare la risoluzione della questione.

“Sembra che Bolton abbia un atteggiamento diverso rispetto alla maggior parte dei funzionari del Dipartimento di Stato americano rispetto al cambiamento e alla creatività nell’affrontare le relazioni tra Belgrado e Pristina; pare sia un po’ più amichevole nei confronti della Serbia rispetto al resto della squadra di Trump”, ha concluso Krstic.

https://www.b92.net/info/vesti/index.php?yyyy=2019&mm=08&dd=08&nav_category=11&nav_id=1575355

Photo Credits: “EPA-EFE/Kevin Dietsch pool”

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top