La Russia è davvero la migliore amica della Serbia?

L’Unione europea è stata il più grande donatore in Serbia dal 2000 fino ad oggi – con un totale di 2,96 miliardi di euro donati – ha confermato un sondaggio del ministero dell’Integrazione europea della Serbia.

Ciò che sorprende, tuttavia, è che il sondaggio mostra che la Russia non è nemmeno tra i primi dieci donatori, il 21% dei cittadini serbi ritiene che questo paese sia il più grande donatore della Serbia. “Per motivi emotivi, i serbi si sbagliano sul fatto che i russi, che sono considerati i più grandi amici slavi della Serbia, sono anche i maggiori fornitori di sostegno finanziario alla Serbia”, dice Mihajlo Crnobrnja, da un’organizzazione non governativa del Movimento europeo in Serbia per Radio Free Europe (RSE).

Nell’intervista a RSE, Crnobrnja ha anche raccontato i risultati di alcuni sondaggi che hanno dimostrato che il 41% dei cittadini serbi era assolutamente convinto che la Russia fosse il più grande donatore finanziario per la Serbia. Ora, dice, è abbastanza evidente che questa percentuale sta diminuendo.

Vuoi aprire una società in Serbia in pochi giorni? Clicca qui!

“Riguardo all’atteggiamento dell’Unione europea nei confronti delle attività, non solo degli investimenti, in Serbia, non penso che abbiano fatto un lavoro adeguato per informare il pubblico di quelle donazioni e dei loro destinatari, vale a dire i cittadini e lo stato. Penso che quattro altri paesi dell’UE, oltre all’Unione europea, abbiano superato la Russia, per quanto riguarda gli investimenti e il sostegno finanziario alla Serbia “, dice Crnobrnja.

Negli ultimi 18 anni, il denaro fornito dall’Unione europea, o dai suoi singoli membri, è stato speso per lo sviluppo della democrazia, dello stato di diritto, della lotta alla corruzione, dell’economia e della competitività – tutti i criteri richiesti per l’adesione della Serbia all’UE . Da quando i negoziati di adesione sono iniziati nel 2014, la Serbia ha aperto 14 di un totale di 35 capitoli. L’aiuto fornito dall’Unione europea alla Serbia durante le inondazioni di maggio e settembre 2014 è stato particolarmente memorabile.

La Russia usa il soft power

I tradizionali legami storico-culturali-religiosi sono la base della maggior parte dei cittadini serbi per interpretare il ruolo della Russia nel mondo contemporaneo. Jelica Kurjak, ex ambasciatrice serba a Mosca, chiama questa “sindrome del guardare indietro”.

Significa il sostegno di una delle principali posizioni di politica estera della Serbia che si riferisce alla sua ferma posizione sul mancato riconoscimento dell’indipendenza del Kosovo.

“La Russia lo sta usando molto. In questa parte del mondo, usa il cosiddetto “soft power”. Usa tutti gli altri mezzi per compensare la mancanza di impatto economico come la chiesa, le organizzazioni ortodosse e varie società di amicizia russo-serbe. Per non parlare del sostegno al problema del Kosovo che è diventato un mito. Tuttavia, nessuno menziona che la Russia sia stato il primo paese ad aprire un ufficio consolare in Serbia dopo le recenti guerre nei Balcani “, afferma Jelica Kurjak.

Ha anche notato un cambiamento nell’atteggiamento del pubblico nei confronti dell’aiuto russo alla Serbia. I cittadini serbi hanno capito che c’è una drastica differenza tra ciò che è stato riportato dai media e la situazione reale.

Dopo l’Unione Europea, i principali donatori in Serbia sono gli Stati Uniti, la Germania, la Svezia e l’Italia. La Cina è in fondo alla lista, al nono posto, con 31,4 milioni di euro donati finora.

https://www.blic.rs/vesti/politika/ovo-je-jedna-od-najvecih-zabluda-srba-a-tice-se-rusije/bxkksfs

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top