La relazione del PE sulla Serbia tra luci e ombre

Il Parlamento europeo ha emesso la relazione sulla Serbia, dopo un dibattito in seduta plenaria a Bruxelles. Il rapporto chiede alla Serbia risultati concreti nel settore giudiziario, nella lotta alla corruzione e alla libertà dei media, mentre accoglie con favore gli indicatori economici, la partecipazione alla cooperazione regionale e il dialogo con Pristina.

Il Parlamento europeo accoglie con favore il fatto che l’adesione all’UE sia un obiettivo strategico del governo serbo, ma deplora anche la mancanza di progressi e persino le battute d’arresto in alcuni dei settori chiave per l’adesione all’UE.

Il relatore per la Serbia, Vladimir Bilčik, afferma che dopo difficili negoziati è stata adottata una relazione equilibrata, che guarda al futuro.

“I criteri politici per l’adesione sono fondamentali. Ecco perché lo Stato di diritto è una questione essenziale. Ed è per questo che è importante che abbiamo avviato la seconda fase del dialogo tra i partiti, che dovrebbe migliorare la qualità del dibattito politico in Serbia, e portare a condizioni elettorali eque e miglior qualità della democrazia. Spero che il dibattito con tutte le forze politiche filoeuropee in Serbia porti a dei progressi nei prossimi mesi”, ha detto Bilcik.

Lo stesso dice che i partiti che hanno boicottato le elezioni dovrebbero tornare al tavolo dei negoziati e partecipare alle prossime elezioni, ma che servono più fiducia, buona fede e dialogo.

“Serve un’atmosfera più tranquilla nella società. Gli attacchi contro i media e le ONG non sono accettabili”, ha avvertito.

La relazione afferma che la normalizzazione delle relazioni è una priorità e una condizione preliminare per l’adesione all’UE sia per Belgrado che per Pristina.

“Voglio lodare i progressi nel dialogo Belgrado-Pristina. È un grande risultato. È importante che il dialogo continui e porti risultati, perché abbiamo bisogno di un accordo globale legalmente vincolante che ci aiuti a riconciliarci con il passato, cosa importante per la prospettiva europea della Serbia, ma anche per la prospettiva europea della regione”, ha affermato Bilčik.

Il rapporto cerca risultati dalla Serbia nel settore giudiziario, nella libertà dei media e nella lotta alla corruzione, inclusi casi di grande interesse pubblico come “Krusik, Jovanjica e Telekom”.

Il Commissario Varhelyi ritiene che la nuova metodologia nei negoziati di adesione sia un’opportunità per la Serbia.

“Abbiamo l’opportunità di accelerare i negoziati e aprire nuovi capitoli nei negoziati con la Serbia, a condizione che le riforme chiave siano attuate come priorità urgente”, ha detto Varhelyi nel dibattito al Parlamento europeo.

https://www.rts.rs/page/stories/sr/story/9/politika/4309027/ep-srbija-izvestaj-rezultati-bilcik.html

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... diritti, libertà media, PE, Pristina
Oggi 8 marzo è la festa delle donne

UE
Protic: “Il governo serbo è contro l’eurointegrazione”

Chiudi