La politica serba è diventata più radicale dei radicali?

Un mouse che “è saltato e ha morso” il deputato rivale, biancheria intima femminile e un sasso nei banchi dell’assemblea. Sono i simboli dell’ultima convocazione del parlamento serbo, che aveva iniziato i lavori con le proteste dell’opposizione alla Commissione elettorale della Repubblica a causa dei risultati di tre liste elettorali al limite dello sbarramento, e ha concluso il suo mandato con lo stato di emergenza e lo sciopero della fame del leader dei “Dveri” Bosko Obradovic.

“Sono scene che rientrano nella categoria di provocazioni o di incidenti parlamentari; succedono in tutti i parlamenti del mondo specialmente quando all’opposizione viene negato il diritto di parola. Finché abbiamo avuto l’opportunità di parlare liberamente a qualcosa del genere non pensavamo, poiché il nostro obiettivo non è quello di provocare incidenti ma condurre un serio dibattito parlamentare”, ha detto Bosko Obradovic alla “BBC” in lingua serba.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Per l’analista politico Dragomir Andjelkovic, queste scene non sono una sorpresa:

“In genere qui abbiamo un basso livello di cultura politica, quindi non vorrei sottolineare in modo specifico l’attuale convocazione parlamentare o qualsiasi politico in particolare, poiché è dal 2000 che abbiamo rapporti politici a zig-zag. Sfortunatamente, la stessa continuità della vita politica serba porta a molte cose radicali e aggressive”.

Le elezioni parlamentari in Serbia sono ora previste per il 21 giugno e prima sono state precedentemente rinviate a causa della dichiarazione dello stato di emergenza.

“Detestiamo il metodo radicale”

Bosko Obradovic afferma che il suo mandato parlamentare è in realtà una fotografia della politica e della società serba dei quattro anni precedenti:

“Il nostro mandato all’opposizione è stato caratterizzato dal soffocamento delle libertà e dei media in Serbia, dalla violazione della Costituzione e della legge e dal tentativo di soffocare la voce dell’opposizione. Ognuna delle nostre discussioni in Assemblea è stata interrotta, il microfono spento, siamo stati esclusi dai lavori, quindi ad un certo punto abbiamo deciso di boicottare il lavoro dell’Assemblea Nazionale perché aveva perso il significato di democrazia parlamentare”.

Obradovic afferma che il suo gruppo parlamentare, entrato in parlamento attraverso una coalizione con il Partito Democratico della Serbia, è stato tra i più attivi e ha avuto il maggior numero di apparizioni parlamentari anche se le sue proposte e iniziative non sono state adottate.

“Solo quando ci è stato brutalmente impedito di parlare, quando il nostro microfono è stato spento a metà frase, abbiamo dovuto cercare strade alternative che hanno portato a metodi politici così radicali”, afferma Obradović.

“A questo fai ricorso quando non ti resta altro, anche a rischio della tua stessa salute; volevo attirare l’attenzione su ciò che sta accadendo in Serbia facendo uno sciopero della fame”.

Obradovic ha fatto infatti uno sciopero della fame sui gradini davanti al parlamento serbo, dieci giorni a maggio, per denunciare la situazione antidemocratica che c’è in Serbia.

L’opinione pubblica ricorda anche l’interruzione di una sessione con un fischietto in bocca, lo scontro con il deputato Marjan Risticevic di fronte al palazzo del parlamento, il sasso portato nella sala intonando una canzone di Djura Jaksic, e il mouse che è “saltato e ha morso” il deputato progressivo Aleksandar Martinovic.

L’analista politico Andjelkovic afferma che ci si possono aspettare situazioni eccessive da chiunque pensi che tali mosse possano portargli benefici politici.

“In ogni partito ci sono quelli che sono pronti ad agire radicalmente e al limite dell’eccesso. Non vorrei accusare in particolare il partito dei “Dveri”, non sono né migliori né peggiori, né come marketing né come situazioni estreme”, ritiene Andjelković.

“Non c’è nessun motivo per comportarsi diversamente.”

Alla sua quarta legislatura, Vjerica Radeta è stata anche vicepresidente dell’Assemblea, guidata dall’ex collega di partito Maja Gojković.

“Se non ci fossero i radicali serbi nell’Assemblea nazionale, la gente non saprebbe nemmeno quali leggi ha approvato la maggioranza parlamentare. Forse il nostro più grande successo è che abbiamo proposto una nuova legge sulla procedura esecutiva e sulla sicurezza e abbiamo ricevuto il supporto di oltre 100.000 cittadini per questa proposta in brevissimo tempo”, afferma Radeta, aggiungendo che le dispiace che non siano riusciti a convincere la maggioranza parlamentare a mettere quella proposta all’ordine del giorno.

Tuttavia, l’opinione pubblica ricorda anche il suo scontro con la vice Prima Ministra Zorana Mihajlović, a cui ha detto dai banchi parlamentari di essere una “ladra in mezzo ai ladri”, mentre il suo collega Milorad Mirčić ha portato biancheria intima femminile rosa all’Assemblea.

“Abbiamo dimostrato che in realtà è una Ministra spia nel governo della Serbia, che 300 milioni di euro sono stati rubati dal bilancio per un accordo sospetto con la “Bechtel”. Abbiamo anche voluto ricordare alla gente che ha speso soldi pubblici per l’acquisto di biancheria intima e cosmetici, di borse di diverse migliaia di euro, di guanti che costano più del salario minimo in Serbia e macchinazioni simili”, afferma Radeta.

Nella sessione parlamentare tenutasi nel gennaio 2020, la Ministra Mihajlović ha respinto le accuse dei radicali.

“State mentendo perché non ci sono documenti secondo cui una società cinese ha offerto un prezzo inferiore per realizzare il corridoio moravo, mentite sul fatto che ho preso 300 milioni per il corridoio moravo, mentite sul fatto che io sono una spia, americana o britannica, e queste cose i cittadini le sentono da anni”.

Il leader dei “Dveri”, Boško Obradović, i cui metodi parte dell’opinione pubblica vede simili a quelli attribuiti ai radicali, afferma che i protagonisti di un tale metodo sono al potere.

“Lo stile politico radicale, applicato al massimo nelle attività del partito “SNS”, è essenzialmente l’opposto di ciò che i “Dveri” vogliono”.

https://www.bbc.com/serbian/lat/srbija-52820865

Photo credits: “FONET/SLOBODAN MILJEVIĆ”

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Bosko Obradovic, Dveri, Elezioni, parlamento
Vučić con gli ambasciatori dei Paesi Quint su integrazione nell’UE ed elezioni

Radulović: “Inverosimile la dichiarazione di Vučić sul rinvio delle elezioni”

Close