La più grande sfida del nuovo governo sarà ridurre il settore pubblico

Barbara Kolm, presidente dell’Istituto Hayek di Vienna e direttrice del Centro dell’economia austriaca, ha dichiarato che la più grande sfida del nuovo governo serbo sarà la riduzione e la privatizzazione delle enormi spese che gravano sul settore pubblico, che attualmente impiega più di 700.000 persone, frenando la crescita economica della Serbia.

Intervistata dal quotidiano Danas, la Kolm ha aggiunto inoltre che la seconda grande sfida sarà la riduzione del numero di disoccupati, circa un quinto dell’intera popolazione, l’aumento dello stipendio medio che attualmente ammonta a 350 euro al mese e l’incentivazione degli impiegati e i datori di lavoro. Parlando dei compiti più importanti del futuro premier Aleksandar Vucic, la Kolm ha stimato che bisognerebbe privatizzare le società grandi nel settore pubblico e fermare il deflusso di denaro.

Ha aggiunto inoltre che si aspetta una veloce attuazione delle riforme, visto che il partito progressivo SNS ha ottenuto una vittoria assoluta alle elezioni, ma anche che continuerà la partnership con il partito socielista SPS. Per quanto riguarda le prospettive di crescita economica in Serbia, la Kolm ha dichiarato che se il nuovo governo manterrà tutte le promesse, la crescita economica potrebbe superare le previsioni della Banca nazionale di Serbia (NBS) del 1,5%.

images

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top