La performance di Marina Abramovic a Belgrado: 5000 persone abbracciate in silenzio

Nell’ambito della mostra “Cistac”, Marina Abramovic ha riunito più di 5.000 persone ieri sera in una sorta di lezione pubblica nel parco di fronte al Museo di Arte Contemporanea di Belgrado, nella quale ha condiviso i dettagli della sua vita, delle sue creazioni e performance.

“Nessun artista visivo si è mai esibito di fronte a un pubblico simile, almeno da quello che ne so io. Quindi questa è una notte molto speciale per me. L’interazione con il pubblico crea le performance artistiche e senza di voi io non esisterei”.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

Dopo il discorso di benvenuto, Marina Abramovic ha iniziato la sua lezione con un discorso in cui ha sottolineato che artisti non si diventa, ma si nasce come tali.

“Come esseri viventi semplicemente respiriamo, e quando smettiamo di respirare non esistiamo più, così è con la creazione. Quando ti svegli hai idee e quelle idee diventano un’ossessione e diventano sempre più grandi, motivo per cui semplicemente senti un’irrequietezza nello stomaco e sei incapace di fare qualsiasi cosa tranne andare nel tuo studio e lavorare sulla loro realizzazione. Questo è il segno che sei un artista”.

Sul come distinguersi e diventare il migliore in quello che fai, la stessa ha rimarcato che sono necessari sacrificio, sofferenza e solitudine.

“Un artista non deve considerarsi un idolo. Il narcisismo, che è un evento molto comune fra di noi, diventa una barriera tra l’artista e la sua opera”.

Marina ha poi condiviso con il pubblico le foto della sua infanzia e giovinezza e ha commentato le tappe cruciali della sua opera. Subito nei primi giorni di lavoro ha scoperto che il suo strumento principale era la performance e, poiché questo concetto è ancora sconosciuto al grande pubblico, ha spiegato che la vera performance va oltre l’arte visiva.

“La performance è un tipo immateriale di arte. Quando lavori a teatro, puoi avere un falso coltello come oggetto di scena, ma nella performance tutto è realistico, il corpo è il corpo, una lametta è una lametta, il sangue è il sangue. Nessuna recitazione, tutto è realtà. L’artista di fronte al pubblico deve essere presente con il corpo e la mente in un determinato momento e in un determinato spazio dove avrà luogo uno scambio di energia; il pubblico sente tutto ciò che l’artista sta vivendo in quel momento. Quando il pubblico allora crede, l’energia diventa l’oggetto dello scambio; è il pubblico stesso che rende la performance una performance, perché l’esibizione non può essere vissuta allo stesso modo come forma documentata”.

L’artista poi, come esercizio da fare assieme al pubblico, ha eseguito la performance AAA-AAA, e il grido di oltre 5.000 persone si è levato nel parco di fronte al Museo. Dopodiché ha invitato tutti i presenti ad alzarsi, chiudere gli occhi e appoggiare i palmi delle mani sulla spalla della persona vicina, per condividere l’amore incondizionato. L’esercizio è durato per sette minuti, successivamente la Abramovic ha ringraziato e salutato il pubblico, dicendo:

“Questo è stato il più grande evento della mia vita. Vi amo e non dimenticherò mai questa serata”.

(FOTO) „Aaaaaaaaaaaaaaa…“: Marina Abramović sa više od 5.000 ljudi održala performans na Ušću

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top