La pandemia ha lasciato a casa più di 2000 persone impiegate nel settore turistico

“In Serbia, più di 2.000 persone hanno perso il lavoro nel campo del turismo a causa della pandemia da coronavirus”, ha affermato il direttore dell’Associazione nazionale delle agenzie turistiche della Serbia (YUTA), Aleksandar Senicic.

“In Serbia, circa il 60% delle persone che lavoravano nelle agenzie di viaggio e autonoleggio ha perso il lavoro. Sfortunatamente, non vediamo la fine della pandemia e non abbiamo prospettive che ci diano il diritto di essere molto ottimisti quest’anno”, ha detto Senicic.

Circa 4.000 persone lavoravano nel turismo, in agenzie di viaggio e società di autonoleggio e a gennaio circa il 45% di loro ha perso il lavoro.

Un numero aggiuntivo di persone ha perso il lavoro dopo la scadenza dell’obbligo dei datori di lavoro di trattenerli, i quali si erano rivolti al governo serbo per ottenere degli aiuti.

Secondo Senicic, le agenzie di viaggio serbe che organizzavano viaggi all’estero in precedenza avevano un fatturato da circa un miliardo a 1,5 miliardi di euro ogni anno.

“L’anno scorso, il fatturato è stato di 150 milioni di euro, il che significa che sono andati persi più di 1,2 miliardi di euro di fatturato. D’altra parte, le stesse agenzie hanno perso da 120 a 150 milioni di euro, una grande perdita per un Paese così piccolo”.

Se si guarda al turismo interno, il turismo ricettivo in Serbia si stava espandendo prima del coronavirus e ha generato entrate in valuta estera per 1,2 miliardi durante l’anno.

“A causa del COVID-19, i risultati sono più deboli del 60%”, ha sottolineato Senicic, aggiungendo che la situazione sarebbe anche peggiore se si osservassero solo i gruppi stranieri, ma i turisti locali sono stati costretti a rimanere in Serbia quindi la perdita è stata compensata in una certa misura.

U turizmu zbog korone bez posla ostalo više 2.000 ljudi

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... agenzie di viaggio, lavoro, pandemia, settore turistico
Cina
L’amicizia cinese durante la pandemia e l’assenza dell’UE

Consiglio fiscale: “Assistere solo le imprese e i cittadini più colpiti dalla crisi”

Chiudi